Dalla Gran Bretagna all'Australia, orche protagoniste. Nessuna traccia delle pinne a Vado

Il pod, che mercoledì ha lasciato il porto di Pra' Voltri dirigendosi verso Savona, giovedì mattina non è stato avvistato dai ricercatori: la speranza è che abbiano finalmente preso il largo una volta per tutte

Niente pinne nere nelle acque di Vado Ligure: sono i volontari di Menkab: il respiro del mare a diffondere la buona notizia sulla presenza - o meglio, l’assenza - del pod di orche che il porto di Pra Voltri ha suo malgrado ospitato per due settimane e che mercoledì è stato avvistato nei pressi di Savona.

«Oggi la visibilità è anche migliore, ma abbiamo deciso di fare il primo check via terra in modo da utilizzare il gommone solo come ultima alternativa - fanno sapere i volontari - Per adesso nessuna pinna dorsale in vista». Pur non escludendo che il gruppo di quattro esemplari - mamma orca e tre adulti - possa essere uscito per cacciare, come già fatto durante la permanenza genovese, la speranza è che abbiano ormai imboccato la via per tornare verso casa, passando da Gibilterra e muovendosi verso la lontanissima Islanda, dove ormai da qualche anno vengono regolarmente avvistate durante la stagione calda.

Il pod, intanto, è ormai diventato una star internazionale. La loro straordinaria presenza così lontano da casa, il viaggio di oltre 5mila km percorso per arrivare nel porto di Genova, la dedizione con cui mamma orca ha portato con sé il piccolo morto rifiutando di lasciarlo andare, hanno attirato l’attenzione degli esperti a livello mondiale, e nei giorni scorsi il caso è finito anche su moltissimi media internazionale, dal britannico Times all’Australian.

Ribattezzate SN113, SN114, SN115 e SN116, i cetacei sono stati individuati per la prima volta nel 2014 dai ricercatori dell'organizzazione Orca Guardians Iceland, che ha iniziato a identificare e catalogare le orche al largo della costa di Snæfellsnes nel gennaio dello stesso anno. Sei in totale gli avvistamenti registrati negli anni successivi, con l’ultimo avvistamento risalente al 2017. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • «L'ho trovato, vedrai che non succederà più»: arrestato l'aggressore di Giuseppe Carbone

Torna su
GenovaToday è in caricamento