rotate-mobile
Costume e società

Cinque luoghi dove camminare tra pascoli di cavalli, mucche e caprette

Tra praterie, macchia mediterranea o rocce a picco sul mare, anche in Liguria non è così difficile incontrare animali allo stato brado: ecco dove

Ci sono luoghi in Liguria dove cavalli, mucche e caprette pascolano liberi tra le alture. Tra le praterie, i boschetti della macchia mediterranea o le rocce a picco sul mare. Non è così difficile incontrarli, soprattutto se si parte per qualche ora di trekking nell’entroterra. Qui vi elenchiamo alcuni luoghi – suggeriti in questo video su Instagram di Lessthan30fromhome – dove è possibile camminare tra i pascoli liguri, come se si fosse in montagna.

  • Prima tappa consigliata per vedere animali al pascolo è il Monte Croce dei Fo’ - che in genovese significa “faggio” - nel comune di Bargagli. Qui i cavalli galoppano liberi lungo i crinali dell’Appenino ligure, allo stato brado;
  • Per ammirare gruppetti di cavalli che brucano liberi c’è anche il monte dei Torbi, nei pressi di Lencisa, a pochi chilometri di distanza dal comune di Ceranesi
  • La Baiarda sulle alture di Acquasanta, nell’entroterra del ponente genovese, dà la possibilità di vedere caprette arrampicarsi sulle rocce;
  • Sempre capre si incontrano a Canate di Marsiglia, il bordo abbandonato nel comune di Davagna, dove i piccoli ovini zampettano tra i ruderi del paese fantasma;
  • Sul Monte Candelozzo, con la sua curva tozza a forma di lungo dorso che si staglia tra il Monte Alpesisa e il Passo della Scoffera, si incontrano le mucche della cooperativa agricola Monte di Capenardo.

Attività a stretto contatto con gli animali a Genova, dai delfini ai cavalli e gli asinelli

I pascoli liguri, con i loro animali e la loro vista mare, hanno bisogno di cura e tutela. Per questo negli ultimi anni anche in Liguria si è scelto di aderire a progetti, come Interreg, che puntano a proteggere biodiversità e percorsi rurali di luoghi come Toscana, Sardegna, Corsica e, ovviamente Liguria. Riconoscere il valore economico e ambientale, ma anche culturale e turistico delle produzioni locali e del paesaggio, è l'obiettivo del progetto Interreg CamBioVIA - CAMmini e BIOdiversità: Valorizzazione Itinerari e Accessibilità per la transumanza, per cui sono stati stanziati nel dicembre 2023, solo per il territorio ligure, 1.2 milioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque luoghi dove camminare tra pascoli di cavalli, mucche e caprette

GenovaToday è in caricamento