Lettera a Edoardo: una canzone sampdoriana scritta dall’ex pompiere Vincenzo Ricioppo

La nuova canzone del cantautore Lucio Aracri. Nel testo l'invocazione a un nuovo scudetto, magari da portare all'altare insieme all'amata

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

"Lettera ad Edoardo". È questo il titolo della nuova canzone del cantautore Lucio Aracri (https://www.lucioaracri.com/; per la canzone: www.idyllium), il "sosia di Lucio Battisti". Il soprannome gli venne assegnato da Mike Bongiorno nel 1977 quando vinse il concorso de "La domenica del Corriere"come sosia del noto cantante di Poggio Bustone. Ma l'idea di dedicare una brano d'amore alla squadra blucerchiata viene da lontano. Dal 1965, anno in cui Vincenzo Ricioppo, autore del testo della canzone, iniziò a seguire i "marinai". Da lì nacque un amore infinito per quei magici colori. Un sentimento che ha portato il pompiere ormai in pensione, a scrivere svariati testi per la sua squadra del cuore. Una curiosità: Ricioppo è il cugino di Pino Pintabona della Black widow records. Insomma, la musica nel sangue è un dono di famiglia

«Sono un sampdoriano doc - ha spiegato simpaticamente Ricioppo - la passione per il calcio e per i colori blucerchiati mi è stata trasmessa da mio nonno che, infatti, viene citato anche nella canzone. L'anno scorso, dopo anni e anni di partite e abbonamenti, ho deciso di mettere nero su bianco il mio amore per la Samp, scrivendo varie canzoni. Ho chiesto al mio vicino di casa, il grande cantautore Lucio Aracri, se poteva aiutarmi a mettere in musica le mie parole, correggendo la metrica e cantando il testo. Lucio, con il quale siamo amici da una vita, accettò». Da qui l'idea di produrre la canzone "Lettera a Edoardo" (casa discografica Idyllium; www.idyllium), cantata proprio dal "sosia di Lucio Battisti". Un testo, quello di Ricioppo, molto particolare.

«Ho deciso di scrivere una lettera ad Edoardo Garrone - ha continuato il tifoso blucerchiato - che in passato fece la stessa cosa ai tifosi. In poche parole: ho voluto rispondergli. Nella canzone gli chiedo di riportarci in serie A e di regalarci un secondo magico scudetto. È un messaggio forte, che vuole spronare la dirigenza a prendere in mano la situazione, a dare il giusto lustro alla squadra. Un successo che questa tifoseria, questa città, si meriterebbe». Ricioppo ha inviato la canzone allo stesso Garrone che lo ha ringraziato con una lettera personale.

«Sono rimasto molto soddisfatto - ha concluso Ricioppo - Aracri ha interpretato la canzone in modo davvero eccezionale. Ma non avevo dubbi. Anche allo stesso Edoardo Garrone è piaciuto molto il nostro lavoro. Sogno nel cassetto? Dedicare un intero cd di canzoni alla Samp. Ho scritto all'incirca una cinquantina di testi…chissà che un giorno il mio sogno non si concretizzi».

 

 

TESTO CANZONE

 

Mio caro Edoardo,

io sono un bambino

del doria so tutto

grazie al mio nonnino

 

io mi sono innamorato

della storia che ho ascoltato

e i colori blucerchiati

nel mio cuore sono entrati

 

mio caro Edoardo

un giovane sono

e un nuovo scudetto

sarebbe un bel dono

 

presto mi dovrò sposare

ma un sogno ho nel cuore

di portare sull'altare

lo scudetto con il mio amore

 

mio caro Edoardo

ti chiedo dell'altro

raccontami tu qualche cosa di più

mio caro Edoardo

un altro scudetto

dai pensaci tu riportaci su

 

mio caro Edoardo

sai questi colori

di tutto mi han dato

tra gioie e dolori

 

prima di addormentarmi

voglio disegnare in cielo

i colori blucerchiati

con un altro scudetto

Torna su
GenovaToday è in caricamento