menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gronda, lettera di Bucci e Toti a Conte per chiedere tempi certi

La lettera di Toti e Bucci richiama il premier e il ministro competente al rispetto di quanto era stato concordato nel corso degli incontri avvenuti in Liguria

Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti e il sindaco di Genova Marco Bucci hanno inviato una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli per chiedere che fine ha fatto il parere che il ministero delle Infrastrutture doveva esprimere sul progetto esecutivo della Gronda di Genova, di cui si è in attesa dall'agosto 2018 e che risulta indispensabile per realizzare l'opera ritenuta prioritaria per la Liguria.

La lettera di Toti e Bucci richiama il premier e il ministro competente al rispetto di quanto era stato concordato nel corso degli incontri avvenuti in Liguria alla presenza della De Micheli lo scorso 25 novembre e 16 dicembre, dopo l'eccezionale ondata di maltempo che si era abbattuta sul territorio.

Proprio nel corso delle suddette riunioni gli amministratori e il ministro De Micheli avevano concordato alcune linee di azione, per sostenere il territorio ligure e portare avanti la realizzazione delle opere strategiche attraverso l'attivazione di un tavolo operativo e di confronto sugli annosi problemi di viabilità stradale e ferroviaria.

«Da novembre a oggi non è successo nulla - dicono Toti e Bucci -. Il ministero delle Infrastrutture non ha espresso alcun parere, come invece avrebbe dovuto, sulla Gronda di Genova e questo ha bloccato il suo iter e non ha nemmeno convocato il tavolo operativo che avrebbe dovuto affrontare, tra gli altri, il tema dei lavori inerenti l'ultimo tratto di raddoppio ferroviario del ponente ligure e di completamento delle varianti Aurelia che invece sono completamente fermi».

«Per questo - concludono Toti e Bucci - chiediamo al ministro un intervento concreto affinché le opere in questione, vitali e importanti per il nostro territorio, i nostri porti e la nostra economia, possano essere pianificate con tempi certi e realizzate nel minor tempo possibile».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento