Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

Il candidato di centrodestra, governatore uscente, in testa sin dai primi instant poll: lo spoglio continua sino a sera inoltrata, ma l'avversario principale ammette la sconfitta

Va verso la chiusura la prima tornata elettorale dopo la pandemia di coronavirus: lunedì 21 settembre i seggi sono rimasti aperti sino alle 15, con una percentuale di affluenza che superava il 50% sia per le Regionali sia, abbondantemente, per il Referendum, che a poche ore dalla chiusura dei seggi aveva un risultato ormai scritto: vittoria schiacciante del "sì".

Elezioni Regionali Liguria: Toti riconfermato

Ormai chiaro l'esito del voto per il referendum, l'attenzione si è spostata interamente sulle Regionali: alle 16.55 è iniziato lo spoglio vero e proprio, con le schede che, con il passare delle ore, hanno confermato la vittoria di Giovanni Toti, governatore uscente della Liguria e candidato del centrodestra, che alle 19 ha ufficializzato la vittoria nonostante diverse centinaia di sezioni ancora da scrutinare.

I numeri, associati alle proiezioni, parlavano però chiaro. Alle 23, orario in cui erano state scrutinate 1.461 sezioni su 1.795, Toti era addirittura al 56,03%, mentre Ferruccio Sansa, candidato del centro sinistra appoggiato da Pd e Cinque Stelle, restava di poco sopra il 39,11%. Una battaglia giocata interamente a due, come dimostrano le percentuali degli altri candidati: Massardo al 2,36%, Alice Salvatore allo 0,91%.

Alle 22, orario in cui erano state scrutinate 1.270 sezioni su 1.795, Toti era al 56,01%, Sansa al 39,18%.

La seconda proiezione del Consorzio Opinio Italia per la Rai (campione del 12%) dava Toti vincitore con il 54,2% dei consensi, Sansa era dato invece al 37,7%. Confermata la continuità, Toti può festeggiare anche un deciso aumento del gradimento: nel 2015 vinceva con poco più del 34%, tradotto in una crescita di circa 20 punti rispetto a cinque anni fa.

Referendum taglio parlamentari, i risultati

Non convince abbastanza, dunque, l’alleanza Pd-Cinque Stelle, l’unica in queste Regionali: già a quattro ore dalla chiusura delle urne, con lo scrutinio fermo a 331 sezioni su 1.795, Toti staccava Sansa di oltre 10 punti (dati parziali alle 19: 54,99% Toti, mentre Sansa era a 40,69). Nettamente staccato Aristide Massardo, sostenuto da Italia Viva, con il 2,13%.

Elezioni regionali Liguria, reazioni. Toti: «Abbiamo fatto la storia»

Via via che i numeri a suo favore crescevano, Giovanni Toti ha commentato il risultato che alle 19 era ancora in divenire ma, così come accaduto in Veneto, ormai scontato: «Avanti Liguria! Altri 5 anni insieme per rendere meravigliosa la nostra regione». Poi uno scatto con il sindaco di Genova, Marco Bucci, che ha seguito con lui e con la moglie di Toti, Siria, i risultati e l’evoluzione del voto in un hotel del centro. Poco dopo le 19.15, infine, il discorso ufficiale.

«È stata una vittoria del buon lavoro fatto in questi 5 anni da tanti amministratori di questo territorio, è la vittoria più grande che il centrodestra abbia mai avuto in tutta la storia in questo territorio, è la prima volta che un’amministrazione di centrodestra viene confermata con 20 punti in più rispetto a quanto fatto 5 anni fa, mentre la sinistra ha preso circa 20 punti in meno rispetto a quanto aveva preso la scorsa volta».

«Il risultato di oggi è segno che questi 5 anni sono stati apprezzati dagli elettori che ringrazio - ha detto Toti nel suo discorso ufficiale - ci hanno dato fiducia in questi anni e ci hanno rinnovato straordinariamente la fiducia con una affluenza che in tempi di covid e inizio scuole non era scontata, segno che i liguri sono interessati alla sorte della loro terra. Dall’altra parte si profila invece credo una delle peggiori sconfitte in assoluto del centrosinistra comunque lo si voglia intendere, se chiuderà al 37 o al 38% vuol dire che l’unica espressione dell’alleanza giallorossa di governo, che in questo territorio si è schierata unita contro di noi, ha fatto forse il peggior risultato della storia per tutti i partiti che lo compongono».

Regionali, Toti sulla nuova giunta: «Prematuro dire se sarà la stessa»

Su eventuali cambiamenti della giunta, Toti ha chiarito che ogni discussione sul tema è prematura: «Non ho detto che sarà la medesima giunta, costruirò una giunta equilibrata e capace di lavorare insieme con amicizia e spirito costruttivo. Non so quali suggerimenti e indicazioni avranno i singoli partiti, non ci siamo ancora confrontati, ci siamo solo abbracciati».

«Il merito della vittoria è di tutti - ha concluso il riconfermato presidente di Regione - è stata una grande opera collettiva, con lo stesso spirito costruiremo la prossima. È vero tutto ed è vero anche il contrario».

Regionali Liguria, Sansa: «Battaglia quasi impossibile»

Ferruccio Sansa, in una conferenza convocata alle 18.30, ammettendo di essere a «meno 10 punti nell’ultima proiezione» ha confermato che «l’avventura è finita, ma io credo che le battaglie vanno combattute anche quando sono difficili, quasi impossibili, e questa battaglia è stata fatta in condizioni proibitive, abbiamo avuto 50 giorni, agosto di mezzo, il ponte utilizzato da qualcuno in maniera pregiudicante come enorme strumento di campagna elettorale, abbiamo avuto il covid. Nonostante questo siamo partiti da un distacco di 20 punti nei sondaggi e oggi arriviamo a 10: ce l’abbiamo messa davvero tutta».

Sansa ha seguito i risultati del voto dal Cap insieme con lo staff e la famiglia, e proprio con i figli si è "sfogato", una volta registrata la sconfitta, con una partita a calcio sul campo della struttura.

A Enrico Mentana, direttore del tg di la7, che gli ha chiesto se tornerà a fare il giornalista, Sansa ha poi risposto che in questa campagna elettorale «ci ha messo la faccia» e che dunque «farà il consigliere regionale».

Referendum taglio parlamentari, i risultati

Elezioni regionali Liguria, affluenza

L’affluenza ai seggi in Liguria è stata del 53,46 %, in aumento rispetto all’ultima tornata elettorale del 31 maggio 2015, quando si era fermata al 50,68 %.

Nel dettaglio, l’affluenza nella Provincia di Savona è stata del 55,28 % (fu il 52,70% nel 2015), quella nella Provincia di Imperia è stata del 50,18 % (fu il 45,78% nel 2015), quella nella Provincia della Spezia è stata del 54,09 % (fu il 51,77 % nel 2015), mentre quella nella città metropolitana di Genova è stata del 53,51% (fu il 50,94% nel 2015). Le sezioni in Liguria sono 1795.

Martedì mattina verranno inoltre scrutinate le schede delle elezioni comunali per quanto riguarda CasellaCogoleto, CrocefieschiRonco Scrivia, San Colombano Certenoli, TorrigliaVobbia e Zoagli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Non rispettano tempi di riposo, pioggia di multe per autisti di mezzi pesanti

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento