I fumi delle navi assediano la città, cresce le protesta: cittadini chiamano la Guardia Costiera

Sono ormai oltre 200 le persone iscritte al gruppo Facebook “Genova - No fumi no navi no inquinamento”, e sui social monta la polemica, con numerose segnalazioni alle autorità

Negli ultimi giorni, chi ha ha una vista aperta sul porto non ha potuto non accorgersene: i fumi prodotti dalle numerose navi ormeggiate hanno invaso i cieli genovesi, con conseguente forte odore e disturbo per i residenti. Che hanno sfruttato i social per far montare la protesta, segnalando allo stesso tempo alla Guardia Costiera.

Su Facebook, le proteste per i fumi provocati dalle navi in porto sono raccolte dal gruppo “Genova - No fumi, no navi no inquinamento”, quasi 250 persone che ogni giorno si scambiano testimonianze video, fotografie e racconti sul disagio causato dai fumi. Decine di foto in cui si vede chiaramente il fumo sollevarsi dalle navi ormeggiate, di giorno e di notte, che infuocano la discussione: «Non se ne può più», è il commento unanime, con persone che si chiedono dove sia finito il progetto di elettrificazione delle banchine e chi minaccia azioni legali. 

Una situazione che negli ultimi giorni è nettamente peggiorata, complice la presenza di diverse navi da crociera - dalla Scarlett Lady alle Msc - ferme in porto, e che ha spinto alcuni cittadini a chiamare la Guardia Costiera. Che avrebbe risposto - come testimoniano nel gruppo - che «martedì mattina sono stati effettuati dei controlli sui tenori di zolfo delle navi e risultano nella norma. Molto del fumo bianco e grigiastro è vapore acqueo». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La spiegazione non è bastata a calmare gli animi di chi fa i conti con i fumi ogni giorno, soprattutto in estate e soprattutto in notti particolarmente calde in cui chiudere la finestra è fuori questione. Alcuni residenti stanno pianificando una serie di interventi concreti, raccogliendo documentazione: da Castelletto a Principe, da San Teodoro al Molo passando per Oregina e Lagaccio, sono sempre di più i genovesi che chiedono provvedimenti per non vivere avvolti dai fumi,.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento