menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ingegnere morto a Marassi, restano in carcere i due sospettati

Restano in carcere i due fratelli romeni fermati a Mestre dai carabinieri del nucleo investigativo nell'ambito delle indagini sull'omicidio a Genova dell'ingegnere Antonio Gragnani, 83 anni, trovato morto il 29 aprile nella sua abitazione di Marassi

Restano in carcere i due fratelli romeni fermati a Mestre dai carabinieri del nucleo investigativo nell'ambito delle indagini sull'omicidio a Genova dell'ingegnere Antonio Gragnani, 83 anni, trovato morto il 29 aprile scorso nella sua abitazione di Marassi.

Il gip Marina Orsini non ha convalidato il fermo dei due, ma ha disposto la misura cautelare in carcere: per il primo ha ipotizzato per il momento i reati di rapina e di morte come conseguenza di un altro reato, per il secondo sono stati ritenuti gravi gli indizi per il reato di ricettazione del cellulare della vittima.

I due fratelli erano stati bloccati a Mestre. L'anziano era stato trovato legato al letto, nudo, picchiato a sangue. Gli investigatori hanno subito seguito la pista degli ambienti omosessuali (Ansa).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento