rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Politica

Stefano Sambugaro nominato garante dei diritti dei detenuti

Consigliere dell’ordine degli avvocati di Genova, tra 2011 e 2014 è stato componente dell’osservatorio carcere dell’unione camere penali italiane e fino al 2016 referente carcere per la camera penale regionale ligure 

L'avvocato Stefano Sambugaro è stato nominato garante dei diritti delle persone private della libertà personale dal sindaco Marco Bucci. Si tratta di una figura istituita dal consiglio comunale genovese nel 2021, primo Comune della Liguria a farlo.

Sambugaro, 66 anni, è consigliere dell’ordine degli avvocati di Genova. Tra il 2011 e il 2014 è stato componente dell’osservatorio carcere dell’unione camere penali italiane e fino al 2016 referente carcere per la camera penale regionale ligure. 

Assessore Rosso: "Professionalità e sensibilità"

"Auguro buon lavoro all’avvocato Sambugaro per l’incarico di assoluta importanza che andrà a ricoprire - commenta l’assessore alle politiche sociali e affari legali Lorenza Rosso - l’esperienza maturata nell’ambito della camera penale ligure e nazionale sulle carceri sarà di sicuro supporto anche all’attività del mio assessorato su una tematica delicata e che necessita di professionalità e di sensibilità. La figura del garante, introdotta con apposito regolamento con decisione del consiglio comunale, rappresenta un doveroso atto di civiltà nel rispetto della dignità della persona promuovendo attività sia di sensibilizzazione sia di collaborazione con altri enti a partire dai percorsi di riabilitazione e di reinserimento sociale attraverso percorsi e attività". 

Sambugaro: "Lavoreremo sui percorsi riabilitativi"

"Ringrazio il sindaco e tutta la giunta per la nomina - dichiara Stefano Sambugaro - sono 30 anni che mi occupo di carceri e ho potuto verificare le condizioni di molti istituti penitenziari italiani. Secondo le statistiche, il 75% dei detenuti, che abbiano effettuato un percorso riabilitativo all’interno del carcere o all’esterno in attività di volontariato, non ha recidive: purtroppo oggi solo il 20% dei detenuti svolge attività di riabilitazione. È nell’interesse della collettività che i detenuti vengano riabilitati e reinseriti nel mondo reale. In tal senso lavoreremo sui percorsi riabilitativi". 

Cristina Lodi (Pd): "Dopo due anni e mezzo di battaglie un segnale importante"

La consigliera comunale del Partito Democratico Cristina Lodi interviene: "Sono felice che dopo due anni e mezzo di proposte, sollecitazioni e attese, arrivi la nomina di questa importante figura per la nostra città. Ricordo che la proposta di deliberazione della figura del garante dei diritti delle persone private della libertà personale è partita nel maggio 2020 dal Gruppo consiliare del Pd, poi approvata all'unanimità nel maggio 2021. La proposta, di cui sono stata prima firmataria, arrivò grazie all'azione di tutte quelle realtà associative e politiche che si sono sempre prese cura delle carceri di Genova. Oggi, due anni e mezzo dopo, arriva finalmente la nomina, speranzosa che questa nuova amministrazione sia più sensibile e attenta ai diritti umani, considerando anche la presenza di un nuovo assessore alle Politiche Sociali, perché l'attenzione alle carceri di Genova non deve essere di interesse solo per la popolazione penitenziaria ma per tutta la città". 

Cosa fa il Garante dei detenuti

Secondo quanto stabilito dal regolamento, il garante, in collaborazione con l’amministrazione comunale, con l'amministrazione della giustizia e con gli operatori della comunità carceraria e con le loro organizzazioni rappresentative informa la sua attività ai principi di trattamento codificati nella legge sull'ordinamento penitenziario, con particolare riferimento all'umanità, al rispetto della dignità della persona, all'assoluta imparzialità, senza discriminazioni, a modelli che favoriscano l'autonomia, la responsabilità, la socializzazione e l'integrazione ed al fine del reinserimento sociale, anche attraverso i contatti con l'ambiente esterno, secondo un criterio di individualizzazione in rapporto alle specifiche condizioni degli interessati.  

Inoltre, il garante promuove esercizio dei diritti e delle opportunità di partecipazione alla vita civile e di fruizione dei servizi comunali delle persone comunque private della libertà personale e residenti, domiciliate o dimoranti nel territorio del Comune di Genova, momenti di sensibilizzazione pubblica sul tema dei diritti umani, iniziative congiunte e coordinate con altri soggetti pubblici e in particolare con l’assessorato alle politiche sociali e la Commissione consiliare competente. Inoltre, rispetto a possibili segnalazioni che giungano, anche in via formale, alla sua attenzione che riguardino la violazione di diritti, garanzie e prerogative delle persone private della libertà personale, il Garante si rivolge alle autorità competenti per avere eventuali ulteriori informazioni.  

Il garante segnala il mancato o inadeguato rispetto di tali diritti e conduce un’opera di assidua informazione e di costante comunicazione alle autorità stesse relativamente alle condizioni dei luoghi di reclusione.  

Infine, spetta al garante promuovere forme di collaborazione con le Università, con il mondo del volontariato, dell’associazionismo e del privato sociale genovese che opera in campo penale e penitenziario o che a vario titolo si occupa di persone private della libertà personale. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stefano Sambugaro nominato garante dei diritti dei detenuti

GenovaToday è in caricamento