menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrorismo, arrestati sette anarchici: indagini partite dall'attentato Adinolfi

Operazione della Digos in diverse regioni italiane. Perquisizioni anche a Genova

Sette esponenti del mondo anarco insurrezionalista in manette, altri otto indagati, una trentina di perquisizioni compresi due appartamenti di Genova. Si tratta delle abitazioni di un uomo e una donna di circa 35 anni residenti in Centro storico. 

L'operazione all'alba di oggi è scattata in Liguria, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia, Sardegna, Abruzzo, Campania e Umbria: nel mirino il gruppo appartenente alla Fai, Federazione anarchica informale, con ipotesi di reato di associazione con finalità di terrorismo e in particolare per l'esplosione di tre ordigni: uno presso il quartiere Crocetta di Torino del 5 marzo 2007 e due presso la Caserma allievi Carabinieri di Fossano del 2 giugno 2006.

L'operazione della Digos, coordinata dal Servizio centrale antiterrorismo della Direzione centrale della Polizia di prevenzione e su disposizione della Procura della Repubblica di Torino, ha preso il via dopo una lunga serie di indagini partite dal caso Adinolfi. Il dirigente di Ansaldo nucleare Roberto Adinolfi fu ferito a Genova il 7 maggio 2012 in via Montello da una "costola" della Fai chiamata Nucleo Olga: due uomini armati di pistola gli avevano teso un agguato davanti alla sua abitazione, sparandogli alle gambe e poi fuggendo in moto. 

Per quell'attentato sono attualmente in carcere Alfredo Cospito e Nicola Gai, condannati in appello e oggi raggiunti da ordinanza di custodia in carcere dopo il blitz di oggi. Secondo gli investigatori, sussiste "grave pericolo di inquinamento probatorio". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento