menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Fruttuoso, frana a Villa Imperiale: «Presto il sopralluogo, ma l'intervento è delicato»

Dopo le forti piogge di due settimane fa, un muretto a secco all'ingresso del parco ha ceduto. A Genova Today, il presidente del Municipio Massimo Ferrante ha confermato l'imminente perizia da parte dei tecnici: «Ma i tempi saranno lunghi»

«Faremo un sopralluogo proprio domani con i tecnici del Comune per capire come muoverci. Purtroppo l’intervento non è così immediato»: a parlare è Massimo Ferrante, presidente del Municipio Bassa Valbisagno, che a Genova Today ha spiegato in che situazione versa la frana avvenuta due domeniche fa nel parco di Villa Imperiale, a San Fruttuoso, particolarmente frequentato da famiglie con bambini.

A cedere è stato un muro a secco al confine con via Imperiale, la strada carrabile che porta al parco e che scende verso via Donaver e poi verso la parte bassa del quartiere: tutta colpa delle forti precipitazioni che qualche settimana fa hanno anticipato un autunno che nei timori dell’amministrazione - e di tutti i genovesi - potrebbe essere particolarmente piovoso. E il terreno, già indebolito da anni di forti piogge e dall’alluvione dello scorso ottobre, continua a dare segni di cedimento: «E’ una cosa che succede a moltissimi muri a secco sparsi in tutta a Genova. In questo caso specifico, il problema sorge perché la frana, che si è verificata qualche giorno dopo la pioggia, è proprio a ridosso dell’ingresso superiore del parco, dove c’è la zona giochi dei bambini. Avevamo transennato per sicurezza la zona, ma qualcuno ha tolto le transenne, forse per parcheggiare in un quartiere e in una città dove sappiamo bene che i posti sono ridotti all’osso. Ora abbiamo fissato il sopralluogo con l’area tecnica del Comune per decidere il da farsi».

Il problema, spiega Ferrante, è che l’intervento di bonifica e messa in sicurezza potrebbe non essere così immediato. Non basta, insomma, ricostruire il muro, ma è molto probabile che si renda necessario un intervento strutturale, la cosiddetta “palificazione”, che prevede l’installazione di pali d’acciaio nel terreno per renderlo più stabile: «In base al verdetto di domani (martedì, ndr) decideremo come agire. Purtroppo in questi casi c’è un iter burocratico da seguire, ma assicuro a tutti i residenti e ai frequentatori del parco che il Municipio si impegnerà per trovare i soldi per risolvere il problema, in accordo con il Comune».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento