rotate-mobile
Cronaca Pieve Ligure

Nuovo autovelox fisso a Pieve Ligure

Dal 12 febbraio sono stati raccolti “in incognito” e senza attività sanzionatoria i dati relativi alle velocità: risultati preoccupanti, con rilevamenti molto al di sopra del limite, fino a 117 km/h

Il Comune di Pieve Ligure ha comunicato che lunedì 15 marzo 2021 verrà installato e attivato un autovelox fisso, dispositivo che rileverà le infrazioni al limite di velocità in modalità totalmente automatica, in funzione 24 ore al giorno, senza l’obbligo di presenza da parte degli Agenti di Polizia Locale e di contestazione immediata.

Si conclude così l’iter burocratico iniziato nel 2017 quando il Comune di Pieve Ligure, insieme agli altri Comuni del Golfo Paradiso, ha aderito al progetto “Noi Sicuri” relativo alla sicurezza stradale, investendo risorse in particolar modo sugli attraversamenti pedonali con una costante manutenzione della segnaletica orizzontale e la dotazione di segnalatori luminosi per renderli visibili anche in ore notturne. Sono state inoltre sostituite le centraline degli impianti semaforici di Pieve Bassa e Pontetto programmandoli per una migliore e più efficiente gestione dei flussi veicolari, inserendo anche una fase dedicata esclusivamente ai pedoni in modo da evitare interferenze con i veicoli.

Il Comune ha spiegato che queste misure sarebbero state inefficaci se non si fosse intervenuti anche sulla velocità di transito dei veicoli. A tal fine sono state installate delle colonnine come dissuasori di velocità e la Polizia Locale, oltre a effettuare servizi di controllo con autovelox con contestazione immediata delle violazioni, ha acquisito, elaborato e valutato i dati ottenuti durante il periodo di monitoraggio È emerso che l’installazione dei cosiddetti “Dissuasori” ha contribuito a diminuire la velocità di percorrenza del tratto. Tuttavia il tasso di incidentalità è rimasto comunque elevato.

Nel corso del 2019 la Prefettura di Genova ha convocato un tavolo tecnico con tutti gli enti interessati al fine di avere un quadro completo del tasso di sinistri nella Provincia di Genova. Dall’analisi complessiva dei dati effettuata dal Comando di Polizia Locale è emerso che, tra gli altri, anche il tratto di “Aurelia” nel territorio del Comune di Pieve Ligure, presenta un alto indice di incidentalità.

Il Prefetto della Provincia di Genova a seguito di tali riscontri, acquisiti i pareri favorevoli di Polizia Stradale e Anas quale ente proprietario della strada, e su richiesta dell’Amministrazione Comunale, ha emesso un decreto con il quale autorizza l’installazione di dispositivi per il controllo della velocità sulla strada statale numeo 1 in diversi tratti del territorio provinciale tra cui quello compreso tra le progressive chilometriche 509+700 e 510+500, nel territorio del Comune di Pieve Ligure.

Dal 12 febbraio 2021 sono stati raccolti “in incognito” e senza attività sanzionatoria i dati relativi alle velocità di transito al fine di avere la situazione aggiornata. Il risultato è apparso preoccupante, con rilevamento di velocità ben al di sopra del limite, fino ad arrivare a 117 km/h alle 19.30 della sera. Per questo si è deciso di installare una postazione di autovelox fissa.

«La tutela della sicurezza stradale è una priorità - ha scritto il Comune - .Precisiamo che gli apparati, a norma di legge, sono sottoposti annualmente a visita e prova presso i competenti organi di controllo e la relativa certificazione è consultabile presso il Comando Polizia
Locale. Nell’ottica della trasparenza che deve guidare l’operato della pubblica amministrazione, periodicamente verranno diffusi i dati sull’andamento delle violazioni accertate, degli incidenti rilevati e della velocità media rilevata. È stata inoltre data disposizione al Comando Polizia Locale di fornire qualsiasi chiarimento in merito a chiunque ne abbia interesse».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo autovelox fisso a Pieve Ligure

GenovaToday è in caricamento