menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caos ospedali, Toti rassicura: «Nessuno resterà senza letto o cure»

Il governatore ligure ha visitato il pronto soccorso del San Martino insieme con l'assessore alla Sanità, Sonia Viale: «Emergenza gestita, il sistema sotto stress ha retto. Ma faremo miglioramenti». Sabato di nuovo studi medici aperti

«Il sistema ha superato lo stress test grazie alla professionalità e all'impegno di tutto il personale sanitario. Tutti sono stati curati e sono stati curati bene. Siamo già al lavoro per migliorare gli spazi e l'accoglienza dei pazienti con azioni concrete, che metteremo in campo già nelle prossime settimane»: queste le parole del presidente della Regione, Giovanni Toti, oggi in visita all’ospedale San Martino insieme con l’assessore alla Sanità, Sonia Viale, per verificare le condizioni del pronto soccorso e dei reparti dopo il boom di accessi dei giorni scorsi e le denunce sulla mancanza di barelle e posti letto.

«Al momento non vedo particolari problemi, non vorrei si spargesse una psicosi sull’assenza di posti in rianimazione o nei reparti. Ho incontrato i primari e i capi dipartimento, e nessun paziente che avesse bisogno di cure è rimasto o resterà senza, di certo non al San Martino, che è un’eccellenza italiana - ha sottolineato Toti - Sicuramente qualcosa da sistemare c’è, dalla capacità delle sale visite durante i picchi all’accoglienza e alla gestione dei pazienti in accettazione, ma le situazione di crisi comportano riflessioni e aggiustamenti che stiamo facendo in tempi rapidi. Ci stiamo lavorando, non vogliamo né minimizzare né drammatizzare».

Toti e Viale hanno confermato che la situazione critica dei giorni scorsi sarebbe stata provocata dall’epidemia di influenza, «un ceppo particolarmente virale, ma l’emergenza è stata gestita, cercheremo di prendere spunto e migliorare». Confermato intanto il progetto sperimentale dell’apertura degli studi medici anche per sabato 14 gennaio, dopo la prova del 7 gennaio scorso: «I dati relativi all’affluenza nei 13 studi medici tenuti aperti sabato ci dicono che i cittadini hanno apprezzato il nostro impegno: i pazienti visitati sono stati 147, quasi la metà dei quali con sintomi influenzali - ha fatto sapere l’assessore alla Sanità, ringraziando i medici hanno aderito all’iniziativa - L’apertura degli studi medici ha consentito un afflusso più appropriato nei Pronto Soccorso del territorio: l’auspicio è che accada lo stesso anche sabato 14».

Anche sabato 14 gennaio saranno 13 gli studi medici aperti, cui i cittadini potranno rivolgersi anche se non iscritti agli elenchi dei medici presenti per essere visitati gratuitamente. Di seguito l’elenco degli ambulatori che aderiscono:

- Studio Pegli, via Martiri della Libertà 4
- Studio Pra’, va Airaghi 16
- Studio Sextum, via Ciro Menotti 19/1
- Studio Rivarolo, via Celesta 54r
- Studio Carbonara, corso Carbonara 8/2
- Studio Medici Insieme, via De Gaspari 26/1 B
- Studio Struppa, via Struppa 228/2
- Studio Marassi, corso De Stefanis 1/2-3-4
- Studio Nervi, via del Commercio 10f
- studio Europa, corso Europa 1130 (entrata dal cancello)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento