Monorotaia per gli Erzelli, affidato il progetto esecutivo

A occuparsene sarà Italferr, la società di ingegneria del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane: il tracciato non dovrà superare i 2,3 km e avrà tre stazioni

Affidati i lavori per di progettazione della monorotaia che collegherà la futura stazione ferroviaria di Erzelli al Parco Tecnologico che sorge sulla collina.

A progettarla sarà Italferr, la società di ingegneria del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, in raggruppamento temporaneo di imprese (RTI), che già è stata coinvolta nella progettazione e nella costruzione del nuovo ponte sul Polcevera.

La società svilupperà dunque il progetto avviando il Progetto di fattibilità tecnico ed economica dell’opera. La nuova monorotaia non dovrà superare i 2,3 km di lunghezza e, proprio come un classico impianto di risalita, sarà composto da una stazione a valle, collegata con quella ferroviaria e predisposta per il futuro ampliamento verso l’aeroporto Colombo, e due stazioni sulla sommità della collina di Erzelli. È prevista anche la realizzazione di un deposito e di una sala controllo.

 La progettazione garantirà, spiega Italferr, una maggiore fruizione e interscambio all’interno delle aree interessate, nel rispetto della sostenibilità ambientale dell’intero sistema di mobilità urbana.

La storia della monorotaia per gli Erzelli è lunga e travagliata. L’idea era stata già avanzata anni fa, e nell’aprile del 2019, con la presentazione del Piano urbano della mobilità sostenibile voluto dal sindaco Marco Bucci e redatto dal “saggio” Enrico Musso, direttore del Cieli, era emerso qualche dettaglio: entrata in servizio nel 2024, capacità dell’impianto di 270 passeggeri e frequenza ogni 4 minuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per realizzare l’opera, il Comune aveva chiesto al ministero 113 milioni di euro, da finanziarie insieme con gli interventi per la realizzazione di un altro punto cruciale del Pums: il potenziamento del filobus, che dovrà andare a coprire i quattro assi della città. A oggi il governo ha rimandato indietro l’istanza perché “priva dei requisiti minimi del progetto di fattibilità”. Tursi sta dunque lavorando alle integrazioni da inviare a Roma, entro aprile.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in Sopraelevata, choc per la morte di Ginevra: «Ciao angelo»

  • Meteo, preallerta per le prossime 48 ore

  • Schianto in sopraelevata, muore una ragazza di 28 anni

  • Un Premio Oscar a Genova: Helen Mirren pranza in una trattoria del centro

  • Quattro detenuti a Italia's Got Talent, la Uil: «Spreco di soldi pubblici»

  • Cadavere a bordo della Costa Diadema

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento