menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidente mortale in via Pedullà: chi ha investito Sharon è passato col rosso

L'uomo alla guida della Panda della Asl 3, che ha investito uccidendola, Sharon Wolf, è passato con il semaforo rosso. L'incidente avvenne il 26 novembre in via Pedullà all'incrocio con via Gualco

Era il 26 novembre quando una giovane istruttrice di nuoto, Sharon Wolf, morì in un incidente stradale in via Pedullà dopo essersi scontrata contro un'auto della Asl 3. A poco più di quattro mesi da quella tragedia si complica la posizione dell'automobilista.

Il conducente dell'auto, già indagato per omicidio colposo, passò con il rosso. La conferma è arrivata dai tabulati semaforici, che il pubblico ministero Vittorio Ranieri Minati ha ricevuto nei giorni scorsi.

Mentre la giovane transitava presso l'incrocio con via Gualco si è vista spuntare la Panda bianca della Asl 3 e non ha potuto evitare l'impatto. Lo scooter è andato a finire contro la base in cemento dell'aiuola spartitraffico. Sharon ha sfondato il parabrezza e ha urtato violentemente la testa a terra. Nonostante il casco integrale, la giovane morì sul colpo.

Come avevamo ipotizzato fin dall'inizio, l'automobilista potrebbe essere stato vittima di un tragico errore. Quando si scende da via Gualco ci si trova davanti a due semafori: uno regola la svolta a sinistra e l'altro è riservato alla corsia dove si è obbligati ad andare dritti. È possibile che l'automobilista si sia fatto confondere dalla luce verde che dava il via libera per proseguire dritti e abbia svoltato.

L'inchiesta della procura intende proprio fare chiarezza sulla vicenda, accertando eventuali responsabilità di una tragedia che ha sconvolto un intero quartiere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento