Gaslini, una donazione di 228mila per acquistare nuove apparecchiature

I fondi arrivano dalla campagna lanciata prima di Natale nei supermercati Conad, e consentirà di acquistare tre strumenti molto importanti

Una donazione di 228mila euro all'ospedale pediatrico Gaslini grazie alla sesta edizione della campagna di solidarietà "Con tutto il cuore" organizzata da Conad Nord Ovest.

La cifra raccolta negli ultimi mesi grazie alla campagna è stata resa nota nei giorni scorsi, e verrà destinata all'acquisto di nuove apparecchiature mediche.

«Questa donazione - ha detto il direttore generale Paolo Petralia - ci permetterà di acquisire un sistema di biofeedbacked elettrostimolazione per riabilitazione pelvi-perineale destinato al reparto di Medicina fisica e riabilitazione, macchinari specifici per l'implementazione del progetto 'Banca del Lattè, e un sofisticato apparecchio 'clinimacs prodigy' per la manipolazione in ambiente sterile delle cellule del sangue e del midollo osseo, finalizzate all'esecuzione delle più moderne terapie cellulari per i pazienti emato-oncologici del Gaslini».

In tutta Italia la campagna aperta nei punti vendita Conad ha raccolto 621mila euro. I 228mila donati al Gaslini sono i fondi raccolti nei punti di vendita di Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, nelle province di Bologna, Ferrara, Modena e nei supermercati della provincia di Mantova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco come fare domanda per i buoni spesa

  • Coronavirus: i casi positivi sono 2.758, oltre 1.300 i ricoverati

  • «Pizze gratis a chi non può comprarsi da mangiare», l'iniziativa solidale della pizzeria di Struppa

  • Coronavirus: oltre 2.400 casi in Liguria, aumentano i guariti

  • Buoni spesa, Bucci: «A partire da mercoledì si potranno richiedere»

  • Passeggiate con i bimbi, è polemica. Il post del medico fa il giro del web: «Ecco perché è meglio di no»

Torna su
GenovaToday è in caricamento