Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Alluvione: anche la Compagnia Unica fra i volontari al lavoro al cimitero di Staglieno

Alluvione Genova: CHIEF, La Compagnia Unica e il volontariato in soccorso al patrimonio culturale e storico della città. Insieme per eliminare fango e detriti gallerie e porticati del Cimitero monumentale di Staglieno

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Chief Onlus, associazione di volontariato di protezione civile per i Beni Culturali operante in Liguria, è stata incaricata dal comune di Genova - Uffici cimiteriali per procedere alla rimozione di fango e detriti e pulitura dei porticati/gallerie del Cimitero Monumentale di Staglieno, con il supporto della storica Compagnia Unica per le Merci Varie Del Porto Di Genova. L'intervento è stato autorizzato dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici e la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici e Etnoantropologici della Liguria.

 

Nella scorsa settimana CHIEF insieme alla Compagnia Unica ha fatto un sopralluogo, lanciato un appello ai propri partner associativi e ai professionisti del settore dei BBCC ai residenti in Liguria, reperito attrezzature e materiali e organizzato il cantiere per ripulire e tutelare questo importante patrimonio architettonico e artistico genovese. Urgente e necessario procedere quanto prima alla rimozione dei detriti e del fango e alla pulitura dei marmi della pavimentazione. "Obiettivo dell'intervento è ripristinare lo stato del sito prima dell'alluvione"- spiega Barbara Caranza presidente dell'associazione che sta coordinando sul sito le operazioni - "Non verranno effettuati restauri, coerentemente alla mission di CHIEF, che è - oltre a realizzare attività di Previsione e Prevenzione del rischio per i Beni Culturali - il prestare soccorso, in italia come all'estero, con proprie squadre di volontari formati e addestrati ad operare durante l'emergenza, per supportare e garantire la tutela e conservazione dei siti e beni offesi dalle calamità".

Lunedi 20 ottobre 2014 è iniziato l'intervento dei volontari. Tre le aree d'intervento: la galleria e il porticato inferiore a levante, e una porzione della galleria frontale. Fondamentale l'apporto di una ventina di volontari provenienti dalla storica Compagnia Unica, più di 50 i professionisti nel settore dei Beni Culturali residenti in Liguria che hanno risposto all'appello lanciato - anche su FB - per tutelare questo importante patrimonio architettonico e artistico. "Ieri abbiamo aperto il cantiere. Un grazie di cuore ai volontari intervenuti. E a quanti, Enti locali, associazioni, professionisti, imprenditori, commercianti, cittadini ci stanno aiutando in tanti modi diversi a reperire fondi e attrezzature per questa operazione di soccorso. Senza di loro, nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile. Siamo infatti una Onlus, nessun appalto di lavori, nessun rimborso: né voluto, né richiesto."

"Grande il tam tam associativo tra i partner di CHIEF, il volontariato locale, in campo anche GenovaToday.it con un appello per cercare una manichetta. Per non parlare della mobilitazione anche da altre regioni" spiega Stefania Agarossi, referente dell'associazione per l'Emilia Romagna e per la segreteria organizzativa, "come nel caso di CO.V.AL.E, il Coordinamento Volontari alluvione Emilia 2014, grazie al quale sono arrivate in donazione grandi quantità di segatura, secchi, manichette, prodotti per la pulizia, attrezzature necessarie ai volontari per rimuovere e asciugare marmi e pavimentazioni. Dalla Liguria, durante l'emergenza Sisma2012 e la recente alluvione modenese, tanti gli aiuti ricevuti. Questa l'occasione migliore per mettere a frutto quello che abbiamo imparato da quelle due calamità e ricambiare il bene ricevuto."

"Siamo grati al Comune di Genova per averci dato fiducia" conclude Barbara Caranza, "E ringraziamo la Dott.ssa Vigneri e Geom. Crovetto degli Uffici Cimiteriali, l'Ingegnere Pizzone e la Dott.ssa Olcese delle Soprintendenze: la loro disponibilità e collaborazione è stata molto preziosa. Perché CHIEF nasce proprio a Genova, da una promessa fatta a noi stessi dopo l'alluvione del 2011. E oggi ci è stato permesso di mantenerla. La più grande ricompensa per tutti noi oggi? Ammirare in silenzio, dopo una faticosa giornata di lavoro, i vasi di fiori rimessi al loro posto, le tombe in ordine, il pavimento e le lapidi a terra pulite e di nuovo a raccontarci la storia e la vita di secoli di genovesi. Con rispetto, con orgoglio. Felici di aver contribuito a ripulire dal fango anche questa parte di Genova. Staglieno non è soltanto un luogo consacrato ancora in uso, è anche, non dimentichiamolo, uno dei più importanti musei all'aperto d'Europa."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione: anche la Compagnia Unica fra i volontari al lavoro al cimitero di Staglieno

GenovaToday è in caricamento