Il ponte San Giorgio è aperto: poco dopo le 22 passate le prime auto

A 23 mesi dal crollo del ponte Morandi, poco dopo le 22 del 4 agosto, il nuovo viadotto è stato ufficialmente aperto al traffico

A quasi due anni dal crollo del ponte Morandi, una tragedia costata la vita a 43 persone e responsabile del mutamento radicale di quella di migliaia di altre, Genova ha nuovamente un ponte che collega le due sponde del Polcevera e i due tratti di A10, un collegamento fondamentale per la città e per la regione.

Il nuovo ponte San Giorgio, costruito in 15 mesi e inaugurato lunedì sera con una cerimonia cui hanno partecipato le più alte cariche dello Stato, è stato ufficialmente aperto da Autostrade per l’Italia poco dopo le 22 , ora in cui le transenne sono state rimosse e le prime auto hanno iniziato a transitare, prima da levante verso ponente e poi anche nell'altra direzione. Nel primo minuto dall’apertura sono passati una decina di veicoli, tra cui una moto, e una volta aperta anche la careggiata Est le auto si sono salutate da un lato all'altro del ponte suonando il clacson.

VIDEO | Ponte San Giorgio, ecco le prime auto che lo percorrono

Cresciuto sotto gli occhi di una vallata che ha prima ospitato il Morandi, imparando a conviverci, e poi lo ha visto cedere all’improvviso crollando su se stesso, il nuovo ponte San Giorgio taglia e unisce la Valpolcevera allo stesso tempo, una snella linea bianca che dalla collina di Coronata arriva sino a quella di Belvedere. Lunedì sera erano tantissime le persone che proprio alla chiesa di Coronata sono arrivare per tentare di scorgere qualche momento dell’inaugurazione e osservare il passaggio delle Frecce Tricolore, e martedì sera le auto, viste dall’alto, hanno iniziato a passarvi sopra quasi con noncuranza, mentre c’è chi ha ancora negli occhi il 14 agosto 2018 e promette che «no, non ci passerò mai». 

Come Egle Possetti, portavoce del Comitato Parenti Vittime del Ponte Morandi e sorella di Claudia Possetti, che nel crollo è morta insieme con il marito Andrea e i figli Manuele e Camilla. Come Egle, sono tanti i genovesi che si sono ripromessi di non salire sul nuovo ponte, ma sono tantissimi anche quelli lieti che i lavori siano finalmente arrivati alla fine e che la città abbia nuovamente un’infrastruttura fondamentale per il traffico e, di conseguenza, anche per il tessuto economico e sociale.

Resta da chiarire il nodo concessioni. Al 4 agosto, giorno dell'apertura, il concessionario resta Autostrade per l'Italia, in attesa della formalizzazione dell'accordo per l'ingresso dello Stato, con Cassa Depositi e Prestiti, nella società. Il ponte è passato nelle mani di Aspi dopo essere transitato da Webuild e Fincantieri, costruttori, alla struttura commissariale del sindaco Marco Bucci, e da lì al Ministero dei Trasporti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dai collaudi, Aspi è stata tagliata fuori: se ne sono occupati struttura commissariale e Anas, ma il sindaco Bucci, a poche ore dall'inaugurazione, è stato conciso sui rapporti tra struttura e Autostrade: «Domenica il direttore del tronco (Mirko Nanni, ndr) ha firmato il protocollo d’intesa tra struttura commissariale, Mit e concessionario, con cui affidiamo dalle 18 di martedì il ponte al Ministero che automaticamente lo affida al concessionario. Abbiamo firmato tutti e tre senza problemi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ex Rinascente, da ottobre arriva Axpo: inaugurazione con un omaggio a Genova

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Elezioni regionali Liguria 2020, Toti oltre il 50%. Sansa: «Avventura finita»

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Elezioni regionali, la mappa del voto a Genova

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento