Coronavirus

Vaccini ai turisti, Toti: «Noi siamo pronti». E si pensa agli Open Day

Il presidente della Regione conferma: le Asl sono pronte a vaccinare tutti i residenti temporanei in Liguria, a patto che il soggiorno si prolunghi anche per il richiamo

Inizia ufficialmente oggi la stagione estiva in Liguria con l’apertura degli stabilimenti balneari, e il presidente della Regione Giovanni Toti annuncia: «Siamo pronti a vaccinare anche i turisti».

Toti ne ha parlato venerdì sera, sottolineando che «in Liguria abbiamo già dato istruzione alle Asl di vaccinare tutti i residenti temporanei nel nostro territorio, il che significa che vaccineremo anche i turisti, ma è necessario precisare cosa si intenda con questo termine».

Il nodo da sciogliere è ovviamente quello delle tempistiche: chi arriva in Liguria per vacanza (o chi vi si risiede stabilmente, pur non avendo la residenza né il domicilio sanitario) potrà essere vaccinato negli hub regionali, a patto che vi rimanda per l’intero ciclo vaccinale.

«Mi sembra l’unica strada possibile», ha sottolineato il governatore ligure, chiarendo che «ovviamente chi passa un weekend in Liguria non verrà vaccinato qui, chi resterà qui per tempi più lunghi potrà registrarsi come residente temporaneo come già previsto, e da quel momento avrà accesso ai nostri sistemi di prenotazione esattamente come i cittadini residenti in Liguria».

Il tema è complesso, soprattutto per il periodo estivo. Che fare, per esempio, nel caso degli insegnanti (o tutti quei lavoratori) che in estate tornano nella regione di residenza? Qui le Regioni si dividono, e se Toti sottolinea che il vaccino verrà fatto solo a coloro che possono garantire di sottoporsi all’interno ciclo in Liguria, altri presidenti di Regione stanno invece lavorando a una vaccinazione “mista”, fatta in due regioni.

In Liguria intanto, stando a quanto riferito proprio da Toti, la campagna vaccinale aumenta sempre più il ritmo: tra giovedì e venerdì sono stati  somministrati 17.744 vaccini, «come se circa l’1,5% della popolazione della Liguria fosse vaccinata in un solo giorno», ha detto il governatore ligure. E a giugno, complici anche le parole del generale Figliuolo e la scelta di anticipare i tempi per gli over 40, si accelererà ancora: «La media delle ultime settimane è stata tra le 87 e 89mila somministrazioni a settimana, contiamo di arrivare tra le 110 e le 120mila la settimana grazie al previsto aumento delle forniture», ha confermato Toti.

Open Day Liguria: «Con indicazioni Cts si faranno»

Uno strumento al vaglio di Regione e Alisa sono gli Open Day, già organizzati con successo in altre regioni sfruttando dosi di Astrazeneca. In Liguria si aspettano le valutazioni del Comitato Tecnico Scientifico per la somministrazione agli under 60 dopo l’iniziale stop: «Se arriveranno indicazioni positive è possibile che si prevedano degli Open Day per queste somministrazioni, per evitare il fenomeno che si è verificato in altre regioni di code più lunghe per Pfizer».

Chi ha già una prenotazione, dunque, e sceglierà Astrazeneca, potrà anticiparla con gli Open Day che, con tutta probabilità, verrebbero organizzati in strutture ampie come la Fiera di Genova.

La Regione ha già riprogrammato il calendario delle vaccinazioni dopo l’apertura di Figliuolo ai nati dopo il 1981: le vaccinazioni verranno effettuate a scalare dall'età, sulla base del numero di vaccini che verranno mandato, e lunedì 17 maggio (come già previsto) partiranno le prenotazioni per i liguri con età compresa tra i 50 e i 54 anni, mentre da venerdì 21 maggio cominceranno sul portale le prenotazioni della fascia 45/49. Venerdì 28 maggio toccherà alla fascia 40/44 .

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini ai turisti, Toti: «Noi siamo pronti». E si pensa agli Open Day

GenovaToday è in caricamento