Sabato, 16 Ottobre 2021
Coronavirus

Covid, in Liguria Rt a 0,99. Toti: «Le scuole potrebbero riaprire la prossima settimana»

Il presidente della Regione insiste sul mantenere la didattica a distanza sino a che i numeri della Liguria non saranno da zona gialla

Le scuole superiori in Liguria restano chiuse sino a venerdì, ma non è escluso che il 25 gennaio i ragazzi possano tornare in classe.

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, lo ha spiegato lunedì sera da Roma, dove è arrivato per partecipare alle “trattative” sulla gestione della crisi di governo. Tra un incontro e l’altro, Toti ha fornito i numeri della pandemia in Liguria, lanciando una stoccata per la perdita di tempo rappresentata da liti interne mentre «ci sono problemi con gli arrivi dei vaccini, e credo sia necessario concentrarsi su questo più che sul resto» e ricordando l’Rt della regione: 0,99, più basso rispetto a quello che ha fruttato la zona arancione e potenzialmente da zona gialla.

«Alcune associazioni hanno fatto ricorso al Tar chiedendo l’immediata apertura delle scuole - ha detto Toti - Ovviamente ci adegueremo alla sentenza della magistratura se si deciderà per una riapertura, altrimenti in questi giorni ragioneremo sui numeri: se continueranno a scendere ci consentiranno, credo, di riaprire la prossima settimana la didattica in presenza al 50% per le scuole secondarie superiori, ed eventualmente nelle settimane a venire raggiungere poi il 75%».

Non tutti sono comunque d’accordo con la riapertura, e appoggiano l'ordinanza di Toti sulla chiusura: alle manifestazioni pubbliche e alle richieste di tornare in classe si alternano anche appelli a restare in didattica a distanza, come quello degli 800 studenti che hanno scritto al presidente della Regione per chiedere di tornare a scuola soltanto con la certezza di non chiudere e di non essere contagiati. E tenere chiuse le scuole in arancione nella speranza che si possa tornare così in gialla è d'altronde un cane che si morde la coda: si rischia di riaprire in gialla, vedere tornare a salire la curva del contagio ed essere costretti a prendere nuovi provvedimenti.

Toti dal canto suo si è detto soddisfatto dei dati in calo, nonostante i focolai accesi e attivi in due rsa del ponente: 80 positivi nella residenza protetta Bormioli di Altare, e dieci morti nella struttura Casa Serena di Sanremo.

«Siamo calati significativamente dall’1,18 con cui siamo stati assegnati alla fascia arancione - ha concluso il presidente della Regione - L’incidenza dei virus è di 1,70 casi su 10mila cittadini, la settimana scorsa era di 1,84, quella ancora precedente di 2,23. Nei periodi più pesanti è arrivata fino a 6,40: siamo discesi e tendiamo al ribasso. I dati confermano un trend sostanzialmente stabile o in lieve discesa dell’epidemia in Liguria. Siamo ottimisti che le prossime due settimane in zona arancione, con le relative restrizioni, ci potranno portare di nuovo in fascia di rischio gialla».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, in Liguria Rt a 0,99. Toti: «Le scuole potrebbero riaprire la prossima settimana»

GenovaToday è in caricamento