Perchè a Genova si dice "leugo" per indicare il bagno?

La parola che - in dialetto genovese - indica il w.c., deriverebbe da un modo di dire diffuso nell'800, "leugo còmodo"

Quante volte abbiamo sentito o utilizzato la parola genovese "leugo" per indicare la toilette? Nei locali pubblici più spiritosi, abbiamo trovato questa parola in dialetto persino sui cartelli che indicano la porta d'ingresso del bagno.

Ma cosa vuol dire esattamente questa parola?

È facile da intuire: significa "luogo", ma perché viene utilizzata per indicare proprio il w.c.?

Secondo Fiorenzo Toso, nel "Piccolo dizionario etimologico ligure", questo determinato modo di dire nasce dall'espressione in uso nell'800 "leugo còmodo", un luogo comodo, un eufemismo un po' pudico ma tutto sommato efficace per indicare il gabinetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

Torna su
GenovaToday è in caricamento