menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regione, nuova polemica per l'introduzione dei "sottosegretari"

Proteste da parte dell'opposizione dopo la proposta di un disegno di legge che consente al governatore Toti di eleggere 3 "mini assessori" da affiancare ai membri della giunta

Assessori “part time”, che percepiranno la metà dello stipendio dei colleghi ufficiali e non avranno diritto di voto in giunta, ma potranno rispondere alle interrogazioni: è questo il disegno di legge su cui la giunta regionale targata Giovanni Toti dovrebbe trovarsi a deliberare molto presto, una proposta che modificherebbe lo statuto stesso della Regione e che nelle intenzioni del governatore della Liguria dovrebbe aiutare a smaltire il lavoro.

Tre le figure che potrebbero affiancare la giunta, che, così come succede già in Lombardia, avrebbero ufficialmente l’incarico di “sottosegretari” e dovrebbero essere impiegate in tre aree fondamentali, e cioè Presidenza, Sanità e Ambiente e Infrastrutture, rispettivamente di competenza dello stesso Toti, dell’assessore e vice presidente Sonia Viale e dell’assessore Giacomo Giampedrone.

Immediata l’insurrezione dell’opposizione, con Raffaella Paita, capogruppo del Pd in Regione, che ha fatto notare che «dopo avere nominato 3 assessori, la destra di Toti vuole modificare lo Statuto Regionale per nominare 3 sottosegretari. Non pensano che ad aumentare costi e poltrone. In una settimana hanno già speso una milionata di euro, e ora con questa legge porteranno a 10 il numero degli assessori. Le poltrone e i costi della politica aumentano sempre di più», mentre Alice Salvatore, portavoce del Movimento 5 Stelle in Regione ha sottolineato che «non bastavano i due nuovi consiglieri Lauro e Senarega. Non sono stati sufficienti neppure i due nuovi assessori esterni Cavo e Giampedrone, promossi a esperti senza alcuna competenza specifica nelle rispettive materie. La rivoluzione di Toti per aumentare ulteriormente i costi della politica prosegue a passo spedito».

«A oggi non è chiaro come saranno selezionati i sottosegretari e a quali criteri dovranno rispondere. L'unica cosa certa sono i costi aggiuntivi per la Regione. E altri soldi potrebbero essere spesi per allestire lo staff dei nuovi sottosegretari, nel silenzio di una maggioranza solitamente invece abilissima a trasformare ogni minimo provvedimento - anche il più modesto - in spot elettorale», ha concluso Salvatore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Crollo cimitero Camogli, il cronoprogramma dei lavori

  • Coronavirus

    Covid, in Liguria 248 nuovi positivi, 11 nuovi ospedalizzati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento