menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regione, Toti acquista il palazzo di piazza De Ferrari

Un'operazione da 24 milioni di euro che il governatore ligure ha definito "virtuosa", ma che non è piaciuta al Movimento 5 Stelle

Il palazzo della Regione Liguria di Piazza De Ferrari diventa di proprietà pubblica grazie alla delibera della giunta Toti che ha definito l'acquisto da parte della pubblica amministrazione al prezzo concordato di 24 milioni di euro con il venditore Unipol.

Il governatore della Liguria ha spiegato : «Si tratta di un'operazione virtuosa, che rientra nel piano di razionalizzazione ed efficientamento degli immobili regionali. Negli ultimi 15 anni e fino ad oggi, infatti, per usufruire dell’immobile si erano spesi denari pubblici di affitto pari, ogni anno, a circa 1 milione e 600 mila euro mentre gli oneri finanziari dell’acquisto si aggireranno intorno al milione e mezzo di euro. Si tratta quindi di un risparmio a cui si aggiunge il beneficio della patrimonializzazione per la regione».

Al termine del complesso piano di riorganizzazione e ridistribuzione degli immobili detenuti a vario titolo da Regione Liguria, in cui è prevista l’intera occupazione della seconda torre di via Fieschi acquistata durante la seconda legislatura Burlando, il risparmio stimato sarà intorno al milione di euro a fine 2017, senza contare l'arricchimento del nuovo immobile che, appena ristrutturato, resterà per sempre di proprietà pubblica.

La decisione non è però piaciuta al Movimento 5 Stella con i portavoce in Regione Alice Salvatore e Fabio Tosi che non hanno fatto mancare le critiche con un duro comunicato: «In barba ad ogni spending review e a tutte le promesse fatte in campagna elettorale, Toti rompe gli indugi e acquista la “Reggia” di piazza De Ferrari. Il tutto per la incredibile cifra di 24 milioni di euro, a cui si aggiungono i salati interessi del mutuo. E ha ancora il coraggio di chiamarlo un “affare”. Forse per lui. Un po’ meno per i liguri, che pagheranno di tasca propria per finanziare i capricci di un reuccio toscano di passaggio in Liguria, con tutta la sua corte di accoliti e amici lumbard. Ecco quanto conta una promessa di Toti, che in campagna elettorale sbandierava ai quattro venti la volontà di trasferire la sede della Regione dalla costosa sede di De Ferrari a un luogo più consono alle attuali situazioni delle casse liguri. Non passa giorno senza che il Pupino pianga miseria per i mancati finanziamenti da Roma, eppure riesce a trovare la bellezza di 24 milioni di euro per un’operazione di cui nessuno sentiva il bisogno, che impoverirà ulteriormente i liguri già alle prese con una crisi economica senza precedenti e impoveriti, se possibile ancor di più, dall’immobilismo dell’attuale Giunta».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    TikTok sbarca in Liguria con la campagna #tiraccontolitalia

  • Costume e società

    Genova, quando i bambini andavano al mare con le "braghe redoggiae"

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento