Mendicanti con i cani, la protesta in consiglio comunale: «Sfruttano gli animali»

A parlarne, il consigliere Alberto Campanella: «Abbiamo comprato del cibo per i cani, ma volevano solo i soldi»

Quante volte è capitato, passeggiando per la città, di imbattersi in mendicanti che chiedevano l'elemosina insieme a uno o più cani? E in questo caso gli animali sono considerati fedeli amici di una vita, o soltanto mezzi per impietosire le persone?

Difficile a dirsi e probabilmente dipende di caso in caso, ma il consigliere comunale Alberto Campanella (FdI) ha portato in aula Rossa un'interrogazione proprio a riguardo: «Ero con mio figlio in piazza Piccapietra e abbiamo incontrato un mendicante con un cucciolo. Abbiamo comprato alcune scatolette di cibo per cani e glie le abbiamo portate, ma lui le ha rifiutate chiedendoci contanti. Spesso i cani sono considerati non come compagni di vita ma come uno strumento utilizzato da queste persone per farsi dare soldi: chiedo allora che venga applicato l'articolo 5 del nostro regolamento che prevede il divieto di accattonaggio con utilizzo di animali, al fine di debellare questo fenomeno e liberare i cani».

A rispondere, l'assessore alla Sicurezza Stefano Garassino: «Non è una bella abitudine quella di usare gli animali per chiedere soldi, bisogna poi vedere come vengono trattati e tenuti». L'assessore ha poi letto una nota scritta dal comandante della polizia locale Giurato: «Il fenomeno è all'attenzione di questo comando, nel centro città, ove questo illecito è più diffuso, dall'inizio dell'anno sono stati sanzionati 8 individui. Per quanto riguarda l'accattonaggio molesto senza animali, invece, sono 142 le persone multate».

In conclusione, per Garassino «non è un fenomeno facile da contrastare perché spesso si tratta di stranieri o persone senza fissa dimora, a volte sanzionare è difficile e inutile».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'interrogazione verrà comunque convertita in ordine del giorno in modo che tutto il consiglio comunale possa votarla e discuterne: «Suggerisco a chi deve fare i controlli - ha concluso Campanella - di chiamare le guardie zoofile e togliere questi animali dalle persone che non hanno cura di loro, affidandoli magari ai volontari che sono disposti a dare amore e calore».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Polizia locale, concorso per 38 assunzioni a tempo indeterminato

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Waterfront, avanti con i lavori: l'acqua inizia a fluire nel canale navigabile

  • Ronaldo e Georgina di nuovo in Liguria: bagno a Portofino e cena a Paraggi

  • Il primo giorno del ponte San Giorgio, tra code e qualche intoppo

  • A7, chiude per 15 giorni la galleria tra lo svincolo A12 e Bolzaneto: le modifiche al traffico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento