menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mauro Rostagno: una piazza per ricordare la sua lotta alla mafia

La piazzetta sotto i Giardini Luzzati viene dedicata a Mauro Rostagno, giornalista ucciso nel 1988 e divenuto simbolo della lotta contro la mafia

Venerdì 5 giugno, alle ore 11.30, la piazzetta sotto i Giardini Luzzati verrà dedicata a Mauro Rostagno, giornalista ucciso nel 1988 e divenuto simbolo della lotta contro la mafia.

Alla cerimonia parteciperanno, oltre al sindaco Marco Doria e all'assessore alla Legalità e ai Diritti Elena Fiorini, la figlia del giornalista ucciso Maddalena Rostagno, il presidente del Municipio Centro Est Simone Leoncini e Chiara Volpato, in rappresentanza del Comitato Promotore.

Nel corso della giornata altre iniziative ricorderanno la figura di Rostagno:

- alle ore 16, ai giardini Luzzati, attività e laboratori in piazza: “La mafia spiegata ai bambini”, con i bambini del Ce.Sto.

- alle ore 17.30 la sala La Claque del Teatro della Tosse ospiterà il convegno su Mauro Rostagno “Un altro mondo è possibile, impegno e gioia di vivere”.

Nel corso dell'incontro verrà anche proiettato il documentario “Quando la piazza contava”, con spezzoni estratti da “No alla tregua” del Collettivo Cinema Militante di Milano e dal documentario “Lotta Continua del 1973”, a cura di Gianfranco Pangrazio, di Ghettup.

Interventi :
Paolo Brogi, giornalista: “Dopo 26 anni giustizia infine: i colpevoli e i depistaggi”. Maddalena Rostagno, figlia di Mauro Rostagno: testimonianza della famiglia. Guido Viale, saggista e giornalista: “Mauro, la lotta politica, l’impegno, la sua memoria oggi”.

Alle ore 21, in piazza, concerto “Canto Antico”: pizzica e tammuriata sperimentale, con la chitarra solista di Bacci Del Buono.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento