Cronaca

A12, Aspi sul viadotto Rovena: «Ammalorato ma non a rischio»

Autostrade ha risposto al Mit sul viadotto nei pressi dello svincolo di Genova Est sulla A12: «Intervento entro due anni. Verranno comunque ristrette le due corsie di marcia e imposta una distanza minima di 50 metri per i mezzi pesanti»

«Il viadotto Rovena sulla Autostrada A12, così come le altre 1943 opere d'arte in concessione ad Aspi, è stato controllato da una primaria società esterna di ingegneria che ne ha confermato la sicurezza». Aspi ha risposto così al commissario straordinario del Ministero dei Trasporti Placido Migliorino, che dopo l'ispezione al viadotto nei pressi dello svincolo di Genova Est aveva parlato di "grave stato di ammaloramento".

Autostrade ha confermato lo stato di ammaloramento, ma ha spiegato che non ci sarebbero rischi di staticità e che gli interventi dovranno essere fatti nei prossimi due anni: «L'asseverazione, effettuata il 2 ottobre 2019 dalla Società Proger Spa - ha spiegato ancora Autostrade - ha evidenziato uno stato di ammaloramento che richiede un intervento entro due anni, ma non problemi di staticità. Infatti Proger, a seguito
dell'asseverazione, non ha indicato la necessità di porre limitazioni di viabilità».

«La Direzione di Tronco di Genova - ha concluso Aspi - , unitamente alla società incaricata del monitoraggio, è a piena disposizione del Ministero delle infrastrutture e trasporti per ulteriori approfondimenti tecnico-ingegneristici relativi al viadotto. Pertanto ha accolto in via cautelativa l'indicazione del Mit a porre limitazioni in attesa di ulteriori verifiche. Verranno pertanto ristrette le due corsie di marcia e imposta una distanza minima di 50 metri per i mezzi pesanti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A12, Aspi sul viadotto Rovena: «Ammalorato ma non a rischio»

GenovaToday è in caricamento