Il primo giorno del ponte San Giorgio, tra code e qualche intoppo

Nella notte due mezzi pesanti hanno colpito un dissuasore e un cartello stradale che indica il divieto di transito ai mezzi più alti di 4,20 metri. Alcuni automobilisti hanno inoltre rallentato per potersi scattare dei selfie

Foto Luca Mesiti - Viabilità Genova

La prima mattinata con il nuovo ponte di Genova San Giorgio si è aperta con diverse code sul nodo autostradale genovese, in particolare tra A10, A7 e A12 a causa dei tanti cantieri ancora attivi. 

A rallentare il traffico non sono stati, però, soltanto i cantieri e i lavori autostradali. Con l'apertura del nuovo ponte, infatti, molte persone hanno approfittato del passaggio per scattarsi foto e selfie sul viadotto, rendendo ancora più complessa la situazione.

Si stacca un dissuasore nella galleria Coronata

Ulteriori rallentamenti sono stati poi causati dal distacco della lamiera di uno dei dissuasori installati all'imbocco della galleria direzione Genova Ovest. Nella notte, con tutta probabilità, un mezzo pesante ha scontrato il dissuasore facendo cadere un pezzo di lamiera sulla carreggiata. Sul posto è intervenuto personale di Autostrade per l'Italia che ha chiuso una corsia lasciando aperta l'altra per il traffico, con conseguente aumento del traffico.

dissuasore galleria coronata-3

All'interno della galleria in direzione Aeroporto è stato inoltre colpito un cartello stradale che indica l'altezza massima consentita per il transito, probabilmente da un altro mezzo pesante. In mattinata sono in corso i lavori di ripristino da parte del personale di Autostrade.

Autostrade che ricorda anche che, come indicato dai cartelli, è vietato il transito ai mezzi più alti di 4,20 metri.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba smartphone a mamma con neonato sul bus, poi la prende a pugni

  • Coronavirus, da domenica la Liguria torna in zona gialla

  • Liguria verso zona gialla, ma gli spostamenti fuori regione restano in forse

  • Perdono entrambi i genitori nel giro di un anno: mobilitazione per aiutare due fratelli di Quezzi

  • Antiche tradizioni: cos'è il "ragno genovese"?

  • «L'ho trovato, vedrai che non succederà più»: arrestato l'aggressore di Giuseppe Carbone

Torna su
GenovaToday è in caricamento