rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Montebruno

Scomparsa da sei giorni, paura per Miriam: «Temiamo il peggio»

La donna, 45 anni, è uscita di casa il 27 gennaio per andare a trovare un’amica che non ha mai incontrato: da allora si sono perse le sue tracce

Ancora nessuna traccia di Miriam Vera, la 45enne originaria di Struppa scomparsa lo scorso 27 gennaio dopo essere uscita per andare a incontrare un’amica.

Miriam, che studia per diventare infermiera ed è un’ex insegnante di nuoto, è uscita dalla casa dove abita, a Molassana, nel pomeriggio del 27 gennaio e si è diretta verso Montebruno, piccolo comune a un’ora di macchina dal capoluogo ligure. L’ultimo tracciamento del cellulare è proprio tra Montebruno e Zeppado: agganciato a una cella della zona, è stato poi (o si è) spento.

Al momento della scomparsa Miriam indossava pantaloni e scarpe da passeggio, giubbotto scuro e aveva con sé uno zainetto crema in cui teneva documenti, chiavi di casa e cellulare. Il timore è che possa essere uscita per fare una passeggiata e possa essersi ferita. La donna si è diretta verso Montebruno in auto, una Volkswagen Polo nera targata BZ330YR di cui non si è ancora trovata traccia.

«Sono ormai sei giorni che è scomparsa - è l’appello di un’amica di Miriam - siamo molto preoccupati, temiamo il peggio. Se qualcuno avesse informazioni contatti le forze dell’ordine».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scomparsa da sei giorni, paura per Miriam: «Temiamo il peggio»

GenovaToday è in caricamento