menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza incendi, dalla Regione l'avvertimento: "Multe da 2000 euro e arresto per chi accende fuochi"

Al termine di una settimana difficilissima per il territorio, le istituzioni rinnovano il divieto assoluto di bruciare sterpaglie e accendere falò nei boschi

Multe sino a 2mila euro per chi accende fuochi, e arresto immediato per chi provoca incendi: al termine di una settimana durissima per il territorio ligure, la Regione inasprisce i controlli e avvisa che su tutta la Liguria rimane in vigore il divieto assoluto di “accendere qualsiasi tipo di fuoco per bruciare sterpaglie, usare fiamme, apparecchi elettrici e a motore nei boschi”, come previsto dal decreto n.1 del 25 luglio 2016 sullo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi.

Dopo il vasto incendio divampato nel pomeriggio di ieri a Casarza Ligure, in località Novano, che si è rapidmente esteso anche alle alture tra Sestri Levante e Riva Trigoso, l’attenzione è altissima: sono stati 200 gli ettari di vegetazione andati in fumo, una casa è andata distrutta e decine di persone evacuate alle spalle di Sestri, e al momento sono ancora in azione diverse squadre dei Vigili del fuoco e decine di volontari anti incendio boschivo, arrivati anche in supporto dal Piemonte e dalla Lombardia, che insieme con 3 canadair e due elicotteri della Regione stanno procedendo allo spegnimento di alcuni focolai ancora attivi. 

Il rogo di Casarza, stando alle indagini svolte dal Nucleo investigativo della Forestale, era stato appiccato accidentalmente da un contadino con un decespugliatore, che alla vista delle fiamme è fuggito spaventato lasciandole fuori controllo. Altri incendi sono divampati inoltre nel pomeriggio e nella serata di sabato in zona Carasco e sulle alture di Recco, rapidamente spenti dai Vigili del fuoco e dai volontari.

“Fino alla revoca dello stato di grave pericolosità - fa sapere Stefano Mai, assessore regionale all’Agricoltura e allo Sviluppo dell’entroterra - sono da osservare i divieti. In caso contrario, i trasgressori saranno puniti con ammende fino a 2 mila euro o con l'arresto, nel caso provochino degli incendi. Vista la situazione attuale, richiamiamo l'attenzione di tutti i liguri a evitare tassativamente comportamenti pericolosi che possano generare incendi su territorio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Invasione di pappagallini, il Comune lancia censimento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento