rotate-mobile
Cronaca

Timbrano a turno, chiesto l'arresto per 4 dipendenti del Comune

Il pubblico ministero Federico Manotti ha chiesto i domiciliari per quattro funzionari del Centro Diurno di De Ferrari che avevano escogitato uno stratagemma per dimezzare le ore lavorative

Associazione a delinquere finalizzata alla truffa e falso”: con queste accuse il sostituto procuratore Federico Manotti ha chiesto l’arresto di quattro dipendenti del Comune assenteisti finiti nel mirino per aver messo in piedi un semplice quanto efficace sistema per saltare i turni lavorativi al Centro Diurno di piazza De Ferrari.

Stando a quanto ricostruito dalla procura i 4 comunali, due uomini e due donne, lasciavano i badge personali all’ingresso del centro, in modo che a turno uno di loro timbrasse l’entrata e l’uscita per tutti: uno stratagemma che avrebbe consentito ai 4 “furbetti” di lavorare circa la metà delle ore conteggiate, e che ha spinto il pubblico ministero a chiedere gli arresti domiciliari.

Il giudice per le indagini preliminari, Annalisa Giacalone, ha respinto la richiesta, ma il pm ha impugnato il rigetto: toccherà al tribunale del Riesame decidere in merito, con un verdetto che è atteso tra due settimane.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Timbrano a turno, chiesto l'arresto per 4 dipendenti del Comune

GenovaToday è in caricamento