menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rally solidale in India sull’Ape, l’avventura di un gruppo di amici genovesi

La storia di un gruppo di sette amici - tra cui cinque genovesi - che tra pochi giorni partirà per il Rickshaw Run, viaggio in India a bordo di un'Ape. L'obiettivo? 3.000 km di avventura per beneficenza

Nello zaino qualche cambio, un buon libro, il lettore mp3, e un bagaglio di entusiasmo: così si prepara a partire un gruppo di amici - il "Baloo Express" - che ha scelto di partecipare a un'avventura molto particolare in India a sfondo benefico.

Sette ragazzi - cinque genovesi e due spagnoli - il 27 dicembre decolleranno per l'India, destinazione Kochi, a sud ovest del Paese. Da lì, in Ape (tre i mezzi forniti dall'organizzazione, per l'esattezza) dovranno percorrere i 3.000 chilometri che li separano da Jaisalmer, nel Rajasthan. Tutto ciò documentando la propria esperienza sul web e convincendo i follower a donare fondi a tre associazioni benefiche.

«Tutti gli anni in genere organizziamo una "zingarata" tra amici, ci piace molto viaggiare - racconta Roberto Ferrando, 33 anni, a GenovaToday - e da almeno un anno stavamo pensando di partecipare un'esperienza simile. Così, una volta sondate le disponibilità di tutti, abbiamo deciso per la Rickshaw Run».

La Rickshaw Run è organizzata da The Adventurists, che organizzano viaggi avventurosi e solidali in tutto il mondo, per coniugare divertimento e beneficenza: «Perdersi o mettersi nei guai è un'arte - scrivono i fondatori sul web -. Un'arte che contiamo di perfezionare». E siete avvisati.

Cosa sanno i sette amici - Roberto Ferrando, Daniele Malagamba, Nico Lelli, Francesco Cremonte, Dario Maritano, Raul Rodriguez ed Enrique Fuente - di quel che troveranno in India? Praticamente nulla: «Non abbiamo prenotato nulla, e sappiamo che non otterremo nessun tipo di aiuto dall'organizzazione - continua Roberto - andremo proprio all'avventura». Ma un'Ape reggerà per 3.000 chilometri? «Senza rompersi? - ride - Non penso, dovremo contare esclusivamente sulle nostre capacità, e sul buon cuore degli abitanti che incontreremo e che magari ci daranno una mano in caso di necessità. Probabilmente incontreremo anche altri partecipanti alla Rickshaw Run, sarà un modo per conoscerci e fare amicizia».

Un viaggio insolito, che durerà circa 15 giorni, nel segno della solidarietà: «Le donazioni di chi, seguendo le nostre imprese, vorrà contribuire alla nostra causa, verranno devolute a Granada Acoje, che lavora con gli immigrati che risiedono nella provincia di Granada, Cool Earth, che lotta contro la distruzione delle foreste, e alla St Joseph School in Sierra Leone, che accoglie ed educa bambini sordomuti. Sono tutte associazioni che abbiamo avuto modo di conoscere da vicino, per cui sappiamo che hanno davvero bisogno di aiuto. In generale comunque con il nostro gruppo di amici organizziamo da tempo eventi di solidarietà, siamo riusciti a raccogliere anche fondi per l'ospedale Gaslini di Genova».

Non resta che augurare ai sette amici un buon viaggio, seguendo le loro peripezie sulla pagina Facebook di "Baloo Express".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, focolaio all'ospedale Galliera

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento