rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità Chiavari

Liguria Pride contro Pillon al Festival della Parola, gli organizzatori: "Tutti hanno il diritto di esprimere le proprie idee"

Il coordinamento di associazioni, gruppi e di cittadini e cittadine Liguri, LGBTQIA+ e non, aveva contestato l'invito a un "esponente delle posizioni omofobe del governo invitato a un festival culturale"

Il Festival della Parola risponde a Liguria Pride sulla presenza di Simone Pillon alla kermesse in programma a Chiavari tra 1 e 4 giugno. Il coordinamento di associazioni, gruppi e di cittadini e cittadine Liguri, LGBTQIA+ e non, aveva contestato l'invito a un "esponente delle posizioni omofobe del governo invitato a un festival culturale" e definito l'ex senatore della Lega " alfiere dell’odio e della propaganda omolesbobitransfobica", chiedendo al Festival di tornare sui propri passi. 

"Festival della Parola o dell'omofobia?", Liguria Pride contro la presenza di Pillon alla kermesse

"Nella decima edizione del Festival della Parola - si legge sulla pagina ufficiale della manifestazione - abbiamo voluto affrontare il tema dei diritti: dal diritto alla salute,all’accoglienza, alla legalità, ai diritti ambientali per garantire un futuro ai nostri figli ai diritti fondamentali delle donne iraniane a vivere libere e in un paese democratico. Crediamo fortemente che proprio un festival culturale abbia il dovere di dare voce a esponenti di pensiero opposto perché il contrario potrebbe essere motivo di accusa di mancanza di democrazia. Per questo abbiamo invitato ospiti molto diversi tra loro, i quali saranno liberi di esprimersi sui temi più disparati, rispondendo a domande che in alcuni casi potrebbero anche essere 'scomode. Simone Pillon e Ivan Cattaneo hanno accettato di partecipare a questo incontro pur sapendo di appartenere a schieramenti diversi e saranno pronti a rispondere alle domande di chiunque abbia voglia di approfondire il tema delle famiglie arcobaleno o dei diritti LGBT".

Massimo Poggini, il direttore artistico che presenterà l’incontro, aggiunge: "Vorrei specificare che non si tratta né di un comizio né di un monologo, ma di un confronto. Tra l’altro sarà un confronto con un artista come Ivan Cattaneo che da oltre 50 anni subisce sulla propria pelle discriminazioni d’ogni genere. Io, pur essendo distante anni luce dalle idee dell’avvocato Pillon, rivendico il fatto che ognuno abbia il diritto di esprimere in modo democratico e con un contraddittorio le proprie idee, in modo che ognuno possa maturare la sua visione. La pensiamo come il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ieri, alla scuola di Barbiana, ha fatto notare sommessamente che non bisogna 'Mai sottrarsi al confronto e pretendere di mettere a tacere qualcuno, tanto meno un libro o la sua presentazione'".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liguria Pride contro Pillon al Festival della Parola, gli organizzatori: "Tutti hanno il diritto di esprimere le proprie idee"

GenovaToday è in caricamento