Test e tamponi sui privati, la Regione frena: «Solo con regole, no al fai da te»

L'assessore alla Sanità, Sonia Viale, interviene sulla decisione di alcuni laboratori di procedere di loro iniziativa con analisi a pagamento sui privati. Diffuso il protocollo

Stop alle iniziative dei laboratori privati per i test sulla positività a coronavirus ai cittadini. Il monito arriva dall’assessore regionale alla Sanità, Sonia Viale, che ha anticipato le linee guida diffuse mercoledì mattina e finalizzate a regolamentare attività che a oggi, ha sottolineato «non sono frutto di mandato della sanità pubblica»

«Per quanto riguarda i test anticorpi IGM-IGG e i tamponi rivolti alla popolazione, che hanno destato parecchia preoccupazione - ha detto Viale - ci sono laboratori privati che hanno iniziato legittimamente a farli di loro iniziativa, senza alcun mandato dalla sanità pubblica. Abbiamo subito preso carico della necessità di governare la situazione e di mettere nero su bianco delle regole, perché occorre che su questo tema non ci sia un fai-da-te da parte dei laboratori».

Il riferimento è anche al laboratorio di Albaro che ha condiviso sui social l’annuncio della disponibilità a effettuare a pagamento, dal 23 marzo, il test per la ricerca degli anticorpi: «Attualmente il tampone viene effettuato esclusivamente presso strutture pubbliche e che noi eseguiamo un test per la ricerca degli anticorpi sul sangue del paziente attraverso prelievo ematico - aveva precisato il direttore sanitario del laboratorio, prevedibilmente subissato di richieste -Il prelievo viene effettuato a domicilio su appuntamento e solo in presenza di richiesta scritta del medico curante».

«Stiamo avviando un percorso, questo sì governato dal sistema sanitario pubblico, su test sierologici rivolti a operatori sanitari, pazienti ricoverati e ospitidelle residente protette - ha detto Viale - Inizieremo dagli operatori sanitari usando inizialmente i nostri laboratori pubblici, poi procederemo anche con gli altri laboratori che abbiamo già iniziato a ricercare attraverso un avviso pubblico. Presto riusciremo a dare un dettaglio particolareggiato sullo studio che abbiamo già iniziato».

Sul tema è intervenuto anche un altro laboratorio privato cittadino, quello cui fa capo il Baluardo, che si è detto «pronto a eseguire i test di ricerca Covid19, sia la ricerca degli anticorpi IGG/IGM, sia (tramite il laboratorio HUB di Castenedolo) in biologia molecolare su tampone» e già disponibili a supportare l’attività degli ospedali non solo liguri.

«Regione Toscana ha già accolto la nostra disponibilità e siamo già partiti con l’attività per gli ospedali toscani. Siamo pronti anche a supportare Regione Liguria - fanno sapere in una nota - Per quanto riguarda l’attività rivolta al pubblico, ci risulta che al momento Alisa non abbia ancora emesso alcuna delibera che autorizzi i laboratori privati all’esecuzione dei test e che definisca limiti e modalità di erogazione. Con senso di responsabilità, riteniamo pertanto opportuno attendere una presa di posizione di Alisa e di Regione Liguria che dettino le regole, prima di intraprendere iniziative autonome che potrebbero creare ulteriore confusione nella popolazione e pressione sugli ospedali attualmente già oberati dall’emergenza».

Test coronavirus per i privati, le linee guida di Alisa

Le linee guida di Alisa sono arrivate, come promesso, in mattinata. La nota diffusa dall'azienda sanitaria precisa che il prelievo deve avvenire in totale sicurezza - adottando, cioè, tutte le misure di prevenzione e con un kit composto da sovracamice sterile, respiratore FFP2, occhiali protettivi, guanti, calzature sanitarie - e che il medico curante deve fare specifica richiesta dopo attenta valutazione, specificando che si tratta di un test che a oggi non sostituisce quello molecolare, unico definitivamente diagnostico.

In caso di positività, inoltre, il medico che l’ha accertata deve segnalare immediatamente alla Asl competente e alla persona che ha fatto il test, che deve mettersi subito in isolamento domiciliare e attendere indicazioni da parte del Dipartimento di Prevenzione, cui è affidato il compito di stabilire se sia il caso o meno di procedere con il test molecolare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paola Cortellesi è Petra, l'ispettore genovese: «Il mio personaggio non fa la femminista, lo è»

  • Genovese di 98 anni trova un BFP da 100mila euro durante il lockdown: parte dei soldi alla ricerca

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Coronavirus al San Martino, un'infermiera e un paziente positivi

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Coronavirus: aumento di casi nel centro storico di Genova, ma nessun cluster

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento