menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Italia-Bulgaria 1-0: Gilardino decisivo, Antonelli infortunato

L'Italia batte 1-0 la Bulgaria grazie al gol del genoano Alberto Gilardino. Non benissimo Antonelli che esce per un infortunio. Al suo posto Cesare Prandelli chiama il blucerchiato De Silvestri

C'è tanto Genoa nella vittoria dell'Italia di Prandelli ai danni della Bulgaria. Gli Azzurri vincono 1-0 grazie alla rete di Alberto Gilardino, giunto a quota 19 marcature in Nazionale, tredicesimo posto tra i cannonieri di sempre con la maglia italiana.

Un gol pesante, da tre punti, che avvicina il team di Prandelli al Mondiale brasiliano e che conferma, qualora ce ne fosse stato ancora bisogno, l'ottimo stato di forma del centravanti di Biella. «Tanti auguri al Genoa per i suoi 120 anni di storia...orgoglioso di indossare una maglia così prestigiosa». «Mi sento un giovane di 31 anni»: questi i tweet di uno scatenato Gilardino, galvanizzato dalla rete siglata a Palermo, una rete storica anche per il Genoa, visto che l'ultimo rossoblù a segnare con la maglia azzurra fu Riccardo Carapellese il 15 febbraio 1956 contro la Francia.

Ma da Palermo arrivano notizie agrodolci per mister Liverani. Se da una parte c'è la conferma di un Gilardino in formato top player, dall'altra il tecnico rossoblù deve registrare l'infortunio di Antonelli. L'esterno sinistro, dopo una prova poco esaltante, ha dovuto lasciare il campo per un infortunio alla caviglia. La prima diagnosi stilata dai medici della nazionale parla di trauma distorsivo alla caviglia con piccolo interessamento dei legamenti. Nei prossimi giorni sono previsti altri esami che dovranno fare luce sui tempi di recupero. Derby a rischio. Per un genovese che lascia la Nazionale, ce ne è uno che arriva. Cesare Prandelli ha infatti convocato Lorenzo De Silvestri, secondo blucerchiato della selezione, dopo Manolo Gabbiadini (rimasto in ogni caso novanta minuti in panchina contro la Bulgaria).

Tra gli altri "genovesi" buone le prestazioni di Kucka con la Slovacchia, vincente 1-0 sul difficile campo della Bosnia, e di Bjarnason con la sua Islanda che ha fermato a sorpresa 4-4 la Svizzera. Solo panchina invece per il neo rossoblù Fetfatzidis nella vittoria greca in Liechtenstein, Krsticic in Serbia-Croazia e Salamon in Polonia-Montenegro. In campo invece Wszolek (30 minuti sempre contro il Montenegro).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento