Dialetto curioso: cosa vuol dire quando a Genova ti dicono "fito"?

Una parola utilizzatissima ancora oggi, e che trae origine dal latino

«Fai quello che vuoi, vai dove vuoi, ma fai "fito"!». Quante volte abbiamo sentito usare questa parola, se viviamo a Genova e dintorni? Sicuramente tante. Ma cosa vuol dire esattamente fare "fito"?

L'espressione vuol dire testualmente "presto, velocemente, in fretta". Quando diciamo che qualcuno «corre fito fito» dunque intendiamo dire che corre veloce, e quando diamo l'ordine «vegni fito!», stiamo dicendo di fare in fretta.

La parola arriva dall'aggettivo latino "fictus" che in realtà vuol dire "fitto", e il significato in Liguria è cambiato diventando avverbio, e indicando un'azione "fitta" cioè "veloce".

La parola in genovese, testimonia Fiorenzo Toso nel "Piccolo dizionario etimologico ligure", compare fin dal XIV secolo, ed è usatissima ancora oggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

  • Liguria gialla o arancione da domenica, attesa per la nuova ordinanza

Torna su
GenovaToday è in caricamento