menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guida alle birre d'Italia: un birrificio genovese scala la classifica di Slow Food

La genovese Maltus Faber fa incetta di premi nell'ultima guida di Slow Food, ricevendo i riconoscimenti "Birre Slow", "Birre Quotidiane" e "Grandi Birre"

Arriva, fresca di stampa, la "Guida alle Birre d'Italia 2017" stilata da Slow Food: 512 aziende raccontate e 2.708 birre recensite per un volume di più di 500 pagine interamente dedicato a uno degli alcolici preferiti a iivello mondiale.

Ma oltre all'elenco delle migliaia di birre da non perdere, la guida segnala anche alcune artigianali speciali, a cui sono stati assegnati premi particolari, e c'è un birrificio genovese, Maltus Faber, da Fegino con furore, che non si è fatto scappare nemmeno un riconoscimento.

Vediamo quali sono i riconoscimenti e quali sono le tipologie premiate:

Le Birre Slow: Cosa significa? Birra che oltre a essere eccellente per valore organolettico è in grado di emozionare, perché racconta la storia di un territorio, di un birrificio o di un birraio. In questa categoria è stata selezionata la Extra Brune di Maltus Faber, unica rappresentante ligure.

Le Birre Quotidiane: birre di grande qualità organolettica che hanno come caratteri principali equilibrio, semplicità e piacevolezza. In questo elenco, a rappresentare la Liguria, ben tre Maltus Faber: la Bianca, la Blonde e la Amber Ale. Fuori dalla provincia genovese troviamo anche Apa di Birrificio Finalese e Birra del Lupo di Scarampola (Millesimo).

Le Grandi Birre: birra di assoluto valore organolettico, da non perdere. E anche qui la Maltus Faber fa incetta com Imperial e Triple. Nel savonese invece troviamo la St. Amè di Scarampola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Invasione di pappagallini, il Comune lancia censimento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento