rotate-mobile
Costume e società

Cinque ristoranti dove andare a mangiare a Carignano

Piatti di terra e di mare, sia fedeli alla tradizione ligure che rivisitati grazie alla professionalità degli chef, ma anche pizza e aperitivi

Quartiere residenziale e silenzioso, subito sopra al trambusto della trafficata via XX Settembre, Carignano è l’ideale per una passeggiata tra gli alberi e un caffè in tranquillità. La sera le sue vie non sono molto frequentate, ma nascondo comunque alcuni locali in cui godersi una cena tipica, più o meno raffinata, e un buon calice di vino. 

Quelli dell’Acciughetta, in corso Podestà, è il locale inaugurato nel 2019 dai proprietari della Trattoria dell’Acciughetta in centro storico. Locale curato in ogni dettaglio, è una sorta di laboratorio, che vuole andare oltre alla cucina di mare della già nota trattoria per esplorare la tradizione dell’entroterra, la griglia, la carne. Nel menù autunnale ad esempio Zucca al forno, fonduta di gorgonzola, amaretti, melograno e salsa di passito canaiolo, Bucatino fresco alle castagne, ragù di selvaggina, mirtilli e alloro, Budino di castagne, cachi, uvetta al rhum, polvere di caffè.

In via Nino Bizio c’è la Pizzeria Locale, che presenta sia uno spazio interno che un ampio giardino con veranda. Locale da poco ristrutturato e design giovanile, pizze di tutti i tipi sia da gustare sia seduti al tavolo che da asporto, tra le più particolari troviamo: la Monumentale con pomodoro, mozzarella, fior di latte, burratina, pomodori semi secchi, salame Sant’Olcese e olive taggiasche, la Rivoli con mozzarella di bufala campana DOP, gorgonzola DOP, fiocchi di culatta e fichi neri, la Mylius con fior di latte, filetti di baccalà in olio d’oliva, olive  taggiasche, pomodori semi secchi e cipolla di Tropea.

A cinque minuti da piazza Carignano, in via Innocenzo Frugoni, si trova il “Bistrot Gastronomico” Il Michelaccio, guidato dallo chef Fabio Fauraz. Nel menù non solo piatti della tradizione ma anche suggestioni della cucina internazionale ed esotica: Panissa fritta e Crudo di pescato alla mediterranea, ma anche Risotto acciughe e lamponi e Tataki di tonno e friggitelli, Melanzana Teriyaki e riso al vapore e Petto d’anatra e purè di castagne. 

Se si passa per salita San Leonardo, si incontra l’osteria Da Genio, in attività dal 1970. Ideale per un pranzo o una cena tradizionale ligure: acciughe ripiene e panissa, mandilli o trofie al pesto, pansoti alle noci e stoccafisso accomodato, ma anche, in questa stagione, insalata di porcini nostrani, tartare di fassona con porcini crudi e grana, ravioli di carne al tucco di funghi e funghi fritti. Il ristorante mette a disposizione una saletta per cene aziendali o eventi privati.

C’è poi Mattoni Rossi in via Corsica che, pur preparando anche piatti sia di terra che di mare, è più famoso per i suoi aperitivi, con una vasta scelta di cocktail e un piattino composto da salumi e patatine, a cui si può scegliere di aggiungere la pizza o la focaccia al formaggio tipo Recco.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque ristoranti dove andare a mangiare a Carignano

GenovaToday è in caricamento