Lunedì, 20 Settembre 2021
Cultura Centro Storico / Via di Prè

La leggenda genovese della polena dei miracoli (o della "Madonna della Fortuna")

Secondo la storia, nel '600, scampata a un naufragio, la statua che raffigurava la Madonna "salvò" una bambina dalla morte

Si narra, che nel '600, durante un terribile fortunale, una nave al largo di Genova colò a picco. Niente e nessuno si salvò, tranne la polena dell'imbarcazione, che raffigurava la Madonna.

Le onde la portarono a riva, dove venne raccolta dagli abitanti del sestiere di Prè. La polena venne rinchiusa in un magazzino, e nessuno ne parlò più. Poco tempo dopo, però, una bambina che abitava con la sua famiglia sopra il magazzino, si affacciò alla finestra, perse l'equilibrio e cadde.

Tutti pensavano fosse morta, e invece dopo qualche attimo la ragazzina si rialzò, miracolosamente illesa: ai testimoni, sbalorditi, raccontò di essere stata afferrata - durante la caduta - da una signora bellissima, vestita di celeste, uscita dal magazzino. 

«Come questa?» le chiesero i cittadini, mostrandole la polena. «Sì, era proprio lei che mi ha salvata» rispose la bambina.

Allora la polena dei miracoli venne portata nella choesa di San Vittore e poi a San Carlo, dove ha preso il nome di "Madonna della Fortuna".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La leggenda genovese della polena dei miracoli (o della "Madonna della Fortuna")

GenovaToday è in caricamento