Tragedia di Sestri, intervento dell'assessore alle politiche sociali

L'assessore alle Politiche sociali e abitative del Comune di Genova, Emanuela Fracassi, è intervenuta sul tragico episodio, avvenuto a Sestri Ponente, dove un inquilino colpito da sfratto si è tolto la vita

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

La tragedia di Sestri Ponente richiede da parte dell'Amministrazione comunale un esame attento dei fatti e una puntuale informazione alla città. La persona che si è suicidata abitava in un alloggio proprietà della società Tono, partecipata di Spim e quindi del Comune di Genova.

Spim e la controllata Tono, nella loro attività di locazione, possono incontrare difficoltà per l'incasso dei canoni ma l'attività di recupero dei crediti è svolta con cautela e sensibilità rispetto alle situazioni soggettive che via via si riscontrano. Normalmente il recupero si risolve con lunghi piani di rientro. 

Purtroppo in questo caso, a tutti i solleciti inviati dal 2007 ad oggi, Tono non aveva mai ricevuto risposta e a differenza di altre analoghe situazioni neppure i servizi sociali del Comune erano stati chiamati ad affrontare la condizione di disagio  dell'inquilino.  

Ciò conferma l'intento  dell'Amministrazione comunale di rafforzare la collaborazione tra le Politiche sociali e abitative del Comune e la società Spim Tono, che ovviamente non dispone al suo interno di competenze professionali per affrontare socialmente le situazioni più fragili.

Questo nuovo dramma mi spinge a ribadire  quanto sia importante che le persone in situazione di morosità o di sfratto stabiliscano un contatto con la proprietà per trovare delle soluzioni di concerto e con l'Agenzia Sociale della Casa del Comune per conoscere possibili aiuti, come la misura del fondo per la morosità incolpevole o il fondo sostegno alla locazione.

Purtroppo devo anche riconoscere che il Comune non ha i mezzi per affrontare da solo il problema degli sfratti; le attuali misure non sono sufficienti. È necessario un impegno nazionale di sostegno al reddito per prevenire situazioni così drammatiche.

Torna su
GenovaToday è in caricamento