menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sarzano, sit-in di protesta dopo l'aggressione al bimbo di 11 anni

Le famiglie della zona sono scese in piazza per chiedere più sicurezza e l'installazione di nuove telecamere di sicurezza: «Fatto gravissimo che non deve ripetersi»

Un sit-in di protesta per chiedere l’installazione di nuove telecamere nel centro storico dopo la brutale aggressione a un bimbo di 11 anni che stava andando a scuola: è successo nel tardo pomeriggio di giovedì in piazza Sarzano, un’iniziativa del comitato spontaneo della zona cui hanno aderito una quarantina di famiglie.

L’episodio che ha scatenato la protesta si è verificato nella mattina di mercoledì in via delle Grazie, nel cuore del centro storico, dove il bambino è stato afferrato e minacciato con un coltello da uno sconosciuto, da cui è riuscito a fuggire divincolandosi nonostante il tentativo del malvivente di trattenerlo per lo zaino. Il piccolo era subito stato soccorso da alcuni passanti e accompagnato dalla madre, che dopo averlo ascoltato raccontare traumatizzato quanto accaduto era andata a sporgere denuncia al commissariato Centro.

Le indagini sono partite subito, con la raccolta di testimonianze di residenti e negozianti della zona e il sequestro dei filmati delle telecamere di sorveglianza, che non coprono però tutto il centro storico. Da qui la manifestazione di giovedì e la richiesta di installarne di nuove, cui ha fatto seguito l’invio di una lettera al Prefetto Fiamma Spena per chiedere un incontro con comitati e residenti per affrontare la tematica della sicurezza, soprattutto per quanto riguarda i minori e le scuole: «La zona dove si sono consumati i fatti non è nuova a questo tipo di eventi - spiega Claudio Garau, portavoce del comitato spontaneo Residenti di Piazza Sarzano - Proprio qualche settimana fa una donna è stata derubata del suo cellulare. Quest’ultimo è un fatto gravissimo, che non si deve ripetere».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento