Uccide il padre e si lancia dalla finestra, è accusato di omicidio volontario aggravato

A gennaio la vittima aveva perso la moglie ed era rimasto solo. Così il figlio, dalla riviera, insieme alla moglie si era trasferito nello stesso quartiere per assistere il padre non autosufficiente

È stato operato il 56enne, che avrebbe ucciso l'anziano padre in un'abitazione di Molassana all'alba del giorno di Pasqua. L'uomo si è poi buttato dal quarto piano dell'appartamento in via Salvo d'Acquisto. Dopo ore in sala operatoria, il 56enne è ora piantonato dalla polizia in attesa di interrogatorio.

L'accusa è omicidio volontario aggravato. Secondo quanto ricostruito finora, il 56enne avrebbe colpito il padre 91enne alla testa con un martello, poi si è gettato nel vuoto. A dare l'allarme è stato il 118, chiamato per la presenza di un uomo in strada ferito in modo grave. Immediata la corsa all'ospedale San Martino, ma per il 91enne non c'è stato nulla da fare: è morto poche ore dopo l'arrivo.

A gennaio la vittima aveva perso la moglie ed era rimasto solo. Così il figlio, dalla riviera, insieme alla moglie si era trasferito nello stesso quartiere per assistere il padre non autosufficiente. Nella notte fra sabato e domenica il raptus e l'omicidio, a cui ora gli inquirenti cercano di dare una spiegazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, bimba di tre anni muore cadendo dalla finestra

  • Precipita da un viadotto sull'A26 per fare pipì, gravissimo in ospedale

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • Orche in porto, i timori di un gruppo di esperti: «Il piccolo sta morendo»

  • È morto Carlo Biondi, figlio di Alfredo

  • Orche "superstar", nuovo avvistamento in porto: «Spettacolo mozzafiato»

Torna su
GenovaToday è in caricamento