menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corso Quadrio, aeroplanini in consiglio Comunale per protestare contro il mercatino

Residenti e commercianti del centro storico hanno invaso l'Aula Rossa di Tursi per chiedere alla giunta risposte sul rinnovo del progetto Chance: "Ora devono ascoltarci"

Avevano promesso di arrivare sino a Tursi per chiedere risposte, e così hanno fatto, i residenti e i commercianti del centro storico, che oggi pomeriggio si sono presentati sugli spalti dell’Aula Rossa durante il consiglio Comunale per una protesta contro il mercatino di corso Quadrio culminata con il lancio simbolico di aeroplanini di carta.

La protesta arriva a poco più di una settimana dal rinnovo per altri sei mesi del progetto Chance, l’iniziativa sperimentale fortemente voluta dalla giunta del sindaco Marco Doria per regolarizzare il commercio abusivo nella zona di Turati, che ha visto gli ambulanti che per mesi hanno occupato con lenzuola e drappi l’area antistante la fermata della metropolitana e palazzo San Giorgio spostarsi di qualche centinaio di metri, nello spazio sotto le mura storiche sino a sei mesi fa occupato da un cantiere e destinato in origine a parcheggi per i residenti. Che, nonostante la promessa di essere restituiti negli orari in cui lo spiazzo non è occupato dai venditori (presenti da lunedì a venerdì sino alle 14), a oggi sarebbero ancora chiusi con paletti e catene.

«Ci avevano promesso di ridarci i parcheggi, cosa che non è avvenuta - tuona Antonella Davite, presidente del Civ di Sarzano-Sant’Agostino, che punta il dito contro la decisione arbitraria di rinnovare il progetto Chance per altri 6 mesi senza dare ascolto ai residenti e ai commercianti della zona, ormai in ginocchio. Eppure siamo cittadini, e dovremmo avere la stessa considerazione che viene riservata a chi aderisce al progetto Chance».

«Noi tutti, comitati di quartiere, associazioni di commercianti, Confesercenti e Civ, siamo qui oggi per ribadire ancora una volta proprio questo: che noi ci siamo. E non vogliamo essere ignorati. Il centro storico è una zona che deve fare i conti con molte problematiche e da parte delle istituzioni non abbiamo avuto la minima considerazione. Adesso devono ascoltarci».

Una richiesta cui i capigruppo hanno risposto dicendosi disponibili a ricevere i rappresentanti dei residenti, che negli ultimi mesi hanno raccolto oltre mille firme contro il mercatino, ma che è stata rimandata al prossimo consiglio Comunale a causa della mancanza di tempo alla luce delle altre questioni affrontate in Aula Rossa, in primis la crisi degli allevatori liguri in seguito al mancato rinnovo del contratto da parte di Lactalis-Parmalat: «Ma noi non ci arrendiamo, e continuiamo a ribadire che non ci stiamo, e che vogliamo risposte».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento