Mareggiata ottobre 2018, ampliato l'elenco dei danni per cui avere rimborsi

Si apre la possibilità dell'assegnazione di contributi anche per i danni ai beni mobili registrati delle attività economiche interessate

Con un provvedimento firmato mercoledì 12 giugno 2019 dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, in qualità di commissario delegato di Protezione Civile per la mareggiata di fine ottobre scorso, si apre la possibilità dell'assegnazione di contributi anche per i danni ai beni mobili registrati delle attività economiche interessate.

«Abbiamo chiesto e ottenuto la possibilità di estendere i contributi anche a questa tipologia di danni, venendo incontro alle richieste specifiche di alcune categorie danneggiate dalla mareggiata di fine ottobre - hanno dichiarato il presidente Toti e l'assessore regionale alla protezione civile Giacomo Giampedrone -. Con questo atto integriamo nell'assegnazione di contributi ad esempio tutti quei pescatori che hanno avuto le barche danneggiate o distrutte, strumento indispensabile per svolgere il proprio lavoro, o quei commercianti che si sono visti portare via i furgoni per le consegne».

Potrebbe interessarti

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • Resta bloccata in un parcheggio e sfonda il cancello con l'auto

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

Torna su
GenovaToday è in caricamento