menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spazientito per l'attesa, lancia un portaombrelli contro una vetrata dell'ospedale

Un 48enne di Chiavari, gravato da pregiudizi di polizia, è stato denunciato per danneggiamento dai carabinieri a Lavagna

In attesa di essere visitato, dà in escandescenza e scaglia un portaombrelli contro il vetro del box del pronto soccorso di Lavagna, fratturandolo. È accaduto nella tarda serata di lunedì 3 febbraio. Sono circa le 20.30 quando il paziente, un 47enne di Chiavari, accede al pronto soccorso dell'ospedale di Lavagna. È stato morso da un cane e deve farsi medicare. Ma il suo caso, secondo il protocollo del triage, non è classificato come urgente e va in coda a casi più gravi che devono avere necessariamente la priorità e che quella sera tengono inevitabilmente impegnati tutti i medici e gli infermieri presenti.

Dopo circa due ore di attesa, l'uomo non ne può più: prima inveisce verbalmente contro gli infermieri e poi, al culmine di una rabbia cieca, afferra il portaombrelli presente nella sala d'attesa e lo scaglia contro il vetro divisorio del box adibito all'accettazione e valutazione dell'utenza del pronto soccorso. Scoppia un gran trambusto. Il colpo è violento e il vetro si frattura, anche se non va in frantumi. A questo punto gli infermieri chiamano immediatamente i carabinieri per contenere l'agitazione dell'uomo nel timore che, dopo essersela presa con le cose, possa aggredire anche i presenti. Ma quest'ultimo, ritornato in sé, quando si rende conto di quello che ha fatto, infila lesto la porta d'uscita e fa perdere le sue tracce.

Dopo una manciata di minuti arriva in ospedale una gazzella del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia carabinieri di Sestri Levante. I militari raccolgono le testimonianze dei presenti e fanno i rilievi fotografici dei danni provocati. Il soggetto viene individuato nei dintorni del pronto soccorso. È fuggito prima dell'arrivo dei militari. Ma il paziente era già stato registrato al triage e i carabinieri lo rintracciano dopo qualche giorno e lo denunciano all'autorità giudiziaria per danneggiamento. Ora, quasi certamente, verrà chiamato a risarcire i danni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento