Sversamento Iplom, l'allora direttore patteggia un anno

Anche la società, responsabile per illecito amministrativo, ha patteggiato una multa da 150mila euro. Il pm aveva indagato anche altre quattro persone

Mercoledì 30 settembre 2020 è arrivata la sentenza per lo sversamento avvenuto il 17 aprile 2016. Vincenzo Columbo, l'allora direttore della raffineria di petrolio Iplom, ha patteggiato la condanna a un anno. Dall'impianto uscirono 500 metri cubi di greggio per la rottura di un tratto.

Anche la società, responsabile per illecito amministrativo, ha patteggiato una multa da 150mila euro. Il pm aveva indagato anche altre quattro persone. Secondo l'accusa, sostenuta dal sostituto procuratore Walter Cotugno, già nel 2010 erano stati individuati diversi segmenti di tubature con alcune criticità. Gli interventi negli anni successivi erano stati fatti solo in parte.

Nel 2016 partirono le operazioni di messa in sicurezza d'emergenza a carico della società per un valore di oltre 5 milioni di euro in seguito allo sversamento, che ha portato al processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Lo spettacolo della Corsica dalla Liguria: miraggio o realtà?

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • La risposta ligure alle scarpe della Lidl? Ci pensa il comico Andrea Di Marco con il Movimento Estremista Ligure

Torna su
GenovaToday è in caricamento