Giovedì, 5 Agosto 2021
Incidenti stradali Centro / Largo XII Ottobre

Auto "impazzita" fugge dopo tamponamento, poi sperona la polizia

Al volante un 26enne che ha colpito una macchina in corso Sardegna e poi è scappato. Alla vista dei poliziotti ha provato a fuggire anche da loro, finendo per andarci a sbattere contro in largo XII Ottobre

Una rocambolesca fuga per le vie del centro città, Sopraelevata compresa, culminata con il tamponamento di un’auto della polizia: è successo nella notte tra lunedì e martedì, protagonista un 26enne cittadino peruviano che, ubriaco al volante, ha prima colpito un’auto in sosta in corso Sardegna, poi è scappato dalla volante che tentava di bloccarlo.

L’inseguimento è partito dalla Sopraelevata, dove i poliziotti hanno notato una Citroen e una Panda ferme e si sono fermati per dare assistenza, pensando di trovarsi in presenza di un incidente. All’arrivo della volante, però, la Citroen è partita a tutta velocità, mentre il proprietario della Panda spiegava agli agenti di essere stato tamponato mentre si trovava all’esterno di un locale in corso Sardegna e di avere seguito sino alla Sopraelevata il conducente “pirata”. 

A quel punto gli agenti si sono messi a loro volta all’inseguimento, intimando più volte l’alt all’automobilista, che è invece uscito all’altezza del tunnel delle Casacce e ha provato a scappare tamponando un’auto in sosta, sfiorando diversi pedoni e finendo per andare a sbattere contro la volante mentre viaggiava in largo XII Ottobre, fermandosi subito dopo. I poliziotti sono quindi scesi dall’auto, gravemente danneggiata, e hanno bloccato il conducente identificandolo e poi arrestandolo per resistenza a pubblico ufficiale.

L’incidente è stato rilevato dalla Locale, che ha anche sottoposto il 26enne all’alcol test trovandolo positivo. I poliziotti, medicati in ospedale, sono stati dimessi con una prognosi di 7 giorni ciascuno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto "impazzita" fugge dopo tamponamento, poi sperona la polizia

GenovaToday è in caricamento