menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frana in via Ventotene, la rabbia dei residenti: «Non ci dicono nulla»

In seguito alla frana caduta nella notte tra lunedì 1 e martedì 2 aprile il civico 51 di via Ventotene è stato fatto evacuare. I lavori proseguono, ma i residenti non hanno ancora buone notizie

Genova - Lunedì notte la caduta della frana in via Ventotene, a Lagaccio, ieri, giovedì 4 aprile, lo sgombero d'urgenza del civico 51, con i lavori che sarebbe dovuti terminare in giornata. Ma così non è stato.

Preoccupazione, e soprattutto rabbia nei residenti del civico, in primis per essere stati messi a serio rischio, visto che la disposizione dello sgombero è avvenuta ben due giorni dopo la caduta della frana. In secondo luogo per essersi dovuti cercare una sistemazione in attesa della fine dei lavori, una messa in sicurezza di un'impalcatura pericolante, definita pericolante solo ora, solo dopo quello che è successo.

In più, tra i residenti, incontrati questa mattina, venerdì 5 aprile in via Ventotene, c'è sfiducia nei lavori, dal momento che la soluzione scelta, ovvero quella di un muro protettivo, non è condivisa dai più. Con noi si è soffermato a parlare Lino Marchese, residente a Lagaccio da una vita, da prima ancora che si costruisse il civico 51, dal momento che Lino abitava proprio nel palazzo di fronte a dove è franato il muro: «Sono sessanta anni che vivo qui, abitavo esattamente di fronte al civico 51 quando questi doveva ancora essere costruito. Mi ricordo benissimo che il permesso lo diedero sia il demanio e il Comune, si accontentarono di costruire un muro di protezione, costruito sopra un muro del seicento. Ed ecco il risultato. Mi hanno chiesto addirittura la foto di quando questo palazzo non c'era ancora per capire in che condizioni era la strada e il muraglione». «Questi lavori non servono - attaccano i residenti - sono solo un tappullo, un riempimento inutile. Bisognerebbe rifarli da zero partendo dalla caserma Gavoglio».

Infine la rabbia dei residenti per come è stata gestita l'emergenza: «Ci hanno avvisato solo due giorni dopo, se davvero l'impalcatura e il palzzo sono a rischio ci avrebbero dovuto fatti evacuare prima. Qui non ci dicono niente, stanno tutti muti sull'andamento lavori. Ci fanno giusto venire a recuperare la nostra roba, ma poi vige il silenzio».

Frana via Ventotene Lagaccio (8)-2

Frana via Ventotene Lagaccio (8)-2E intanto il panorama che si presenta di fronte ai nostri occhi è esattamente quello di qualche giorno fa, la frana è lì, a piedi del civico, le macchine sono lì, tutte e tre, con una quarta e inquietante vettura parcheggiata ai bordi della strada. Che, forse, sarebbe meglio spostare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento