Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Comune, 500mila euro di contributi per famiglie in difficoltà e pensionati soli

I fondi sono arrivati grazie al recupero sull'evasione fiscale effettuato nel 2015. Saranno 5000 i soggetti che riceveranno un contributo di 100 euro

Grazie al recupero sull'evasione dei tributi effettuato nel 2015 il Comune di Genova è riuscito a realizzare un bando (disponibile sul sito ufficiale dell'amministrazione comunale) in accordo con le segreterie confederali di Cgil, Cisl e Uil del valore di 500mila euro per erogare un contributo alle famiglie in condizioni economiche di disagio e ai pensionali soli. Il bando potrà soddisfare una platea molto ampia di circa cinquemila famiglie con un contributo di 100 euro.

I moduli per accedere sono disponibili sul sito internet del comune di Genova, in tutti i Caf convenzionati e presso gli sportelli del cittadino, e sarà possibile presentare la domanda solo attraverso i Caf convenzionati (l'elenco è disponibile nell'allegato in fondo a questo articolo).

Per quanto riguarda i requisiti richiesti potranno presentare la richiesta gli intestatari di un'utenza Tari con Isee ordinario non superiore a 19mila euro appartenenti a una delle due seguenti tipologie: soggetti soli di età superiore ai 75 anni o soggetti appartenenti a nuclei familiari con più di due figli a carico (al di sotto dei 26 anni al 31/12/2015) residenti col richiedente. In entrabi i casi i soggetti devono essere in regola con il pagamento della Tari e residenti in un alloggio in affitto o di proprietà di metratura non superiore ai 100 metri quadri.

Il fondo disponibile sarà diviso in due parti e saranno preparate due graduatorie separate per le due tipologie di beneficiari indicate e l'ordine delle rispettive graduatorie sarà determinato dal valore Isee. Nel caso il numero di soggetti in possesso dei requisiti sia superiore alla capienza del fondo le priorità saranno date dall'anzianità per i nuclei di un solo componente; dal maggiore numero di figli a carico e, a parità, minor numero di metri quadrati occupati per i nuclei con più di due figli a carico. Nel caso non venissero utilizzate tutte le risorse in una delle due graduatorie le restanti saranno utilizzate per la saturazione dell’altra graduatoria.

L'assessore al bilancio del comune di Genova Francesco Miceli spiega: «L’accordo dimostra come, attraverso il confronto e la collaborazione con le parti sociali, si possa intervenire per mitigare situazioni di disagio economico. Questo intervento è stato reso possibile, nel quadro di una costante politica di equità fiscale portata avanti dal Comune di Genova, grazie all’attività di recupero evasione sui tributi locali ed erariali».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, 500mila euro di contributi per famiglie in difficoltà e pensionati soli

GenovaToday è in caricamento