menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Invasione di cinghiali? Enpa: «Smettiamo di nutrirli e difendiamo i lupi»

Ecco la linea suggerita dall'ente dopo il ritrovamento di mangiatoie per cinghiali non autorizzate

Dopo la notizia di qualche giorno fa riguardante il sequestro di alcune mangiatoie per cinghiali non autorizzate dalla Provincia e la conseguente multa a danno dei responsabili, la sezione genovese dell'Enpa traccia quella che potrebbe essere la rotta migliore da seguire. 

Ma facciamo ordine. La pratica attuata dai cacciatori per far proliferare la popolazione di cinghiali e abbatterla durante la stagione di caccia si basa sul posizionamento di feeder: marchingegni rudimentali, costruiti con un bidone appeso agli alberi e riempito di mangime con al di sotto una batteria collegata a una rotella che, girando, disperde il cibo nella zona. Questa prassi spesso rappresenta una giustificazione per i cacciatori alla luce del sempre più elevato numero di capi abbattuti per la cosiddetta “caccia di selezione” che, secondo l'Enpa, non ha portato ad alcun contenimento della popolazione di ungulanti ma anzi ne ha causato un aumento esponenziale

La proposta dell'Enpa è quella di abolire in modo totale il foraggiamento, anche quello autorizzato dalla Provincia, di inasprire le pene per i trasgressori e di rafforzare le misure a difesa di predatori come il lupo affinché sia la natura stessa a regolare il criterio di selezione. Ad avvalorare questa tesi esiste uno studio francese che ha sottolineato come siano state proprio le condizioni ambientali, quali una malattia che ha causato scarsità di castagne e l'aumento dei lupi, ad aver fatto diminuire, dopo anni, il numero di cinghiali durante l'inverno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento