Cronaca

L’Università di Genova costituisce un’unità di crisi per l’emergenza coronavirus

Della commissione fanno parte il rettore Paolo Comanducci e vari esperti, che dovranno valutare eventuali azioni a totale della comunità accademica

Infettivologi, medici, accademici: sono i membri dell’Unità di crisi Covid-19, la commissione ha costituito per valutare e predisporre eventuali azioni a tutela dell’intera comunità accademica nel fronteggiare l’emergenza legata alla diffusione del coronavirus nel territorio ligure.

L’Unità di crisi è composta da docenti dell’ateneo genovese, esperti in ambito giuridico, epidemiologico, virologico, della formazione e della medicina del lavoro. Tra loro ci sono il rettore Paolo Comanducci, presidente della commissione, Enrico Giunchiglia, prorettore vicario, Gisella De Simone, prorettore per gli affari generali e legali, Filippo Ansaldi, professione ordinario di Igiene generale e applicata (già coordinatore della task-force costituita da Alisa), Matteo Bassetti, ordinario  di Malattie infettive e direttore della clinica del San Martino, Paolo Durando, ordinario di Medicina del lavoro, Giancarlo Icardi,  ordinario di Igiene generale e applicata, e Micaela Rossi, Prorettore per la formazione.

La commissione rimane in carica fino al termine dell’emergenza. Il rettore aveva già preso la decisione, domenica mattina, di sospendere in via precauzionale tutte le attività accademiche - lezioni ed esami in primis - per una settimana per limitare al massimo gli spostamenti da una località all’altra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Università di Genova costituisce un’unità di crisi per l’emergenza coronavirus

GenovaToday è in caricamento