Casarza: comprano carrelli elevatori ma pagano con assegni scoperti

Un 64enne, imprenditore edile, e un operaio 28enne sono stati denunciati dai carabinieri per truffa per non aver saldato il pagamento di due carrelli elevatori, inizialmente pagati con assegni scoperti

Ieri i carabinieri di Casarza Ligure, al termine di accertamenti, scaturiti da una querela sporta da un 60enne, titolare di una ditta con sede nella cittadina, hanno denunciato per truffa un 64enne, imprenditore edile, e un operaio 28enne.

I due hanno acquistato due carrelli elevatori, ma, dopo aver versato duemila euro di acconto e a saldo con assegni, risultati poi non solvibili, hanno ommesso di regolarizzare il saldo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

Torna su
GenovaToday è in caricamento